...

La brutta favola e la realtà. C’era una volta un ospedale che “non si può più definire ospedale” con “qualche mobile, qualche sedia e qualche lettuccio”, buono solo per “un riposino giornaliero”... C’era anche un esodo di primari che “zitti zitti” sono andati ad “abitare nella vicina Pesaro”. E sullo sfondo pare pure di intravedere il lupo cattivo. E la solita favola è servita.