...

Dodici minuti. Nel mezzo il ricordo di quella mattina maledetta, le prospettive a livello processuale, il desiderio che sia fatta davvero giustizia. Accompagnato dall’avvocato Salvatore Asole, in quel breve lasso di tempo Giuseppe Farris ha raccontato – tra le altre cose - come abbia saputo della morte di sua figlia Sonia, la parrucchiera 34enne di Calcinelli di Colli al Metauro travolta, alle 4 del mattino del 6 gennaio, fuori dalla discoteca Megà di Senigallia insieme alla sua amica insegnante di 43 anni Elisa Rondina. Lo ha spiegato ai microfoni de “I Fatti Vostri”, celebre e storico programma di Rai Due condotto da Giancarlo Magalli.




...

“Chiuso per lutto cittadino dalle 14 45 alle 16 30”. Questo c’era scritto fuori da un tabacchi che aveva appena abbassato la saracinesca. Il titolare stava sistemando il cartello proprio in quel momento, prima di dirigersi verso la chiesa di Santa Croce. Lo stesso aveva già fatto il bar poco più avanti, e così tanti altri. Calcinelli di Colli al Metauro, un paese fantasma reso tale dalla sua duplice perdita. La mattina stessa si era già pianto per la maestra 43enne Elisa Rondina. Poche ore dopo – alle 15 – la comunità si è riunita di nuovo per rendere omaggio a un’altra sua figlia scomparsa troppo presto: la parrucchiera 34enne Sonia Farris. Entrambe le ragazze sono state strappate alla vita da un ubriaco al volante, che nella notte tra il 5 e il 6 gennaio le ha travolte lungo l’Arceviese. Tutti e tre erano appena usciti dalla discoteca Megà. Soltanto uno è tornato a casa: l’investitore. E dovrà restarci, dati i domiciliari.


...

Auto già posteggiate, tante altre ancora in arrivo. Polizia locale e carabinieri hanno controllato il traffico sin dalla Flaminia. Le macchine si sono arrampicate sulle vie laterali pur di parcheggiare. Mancava soltanto un quarto d’ora all’inizio della cerimonia funebre, e all’interno della chiesa parrocchiale di Santa Croce di Calcinelli (Colli al Metauro) non restava che qualche posto in piedi. Fuori c’erano almeno altre duecento persone. Sotto un sole tiepido, stavano aspettando il feretro di Elisa Rondina per darle l’ultimo saluto. Perché la maestra 43enne non c’è più, travolta da un ubriaco – ora ai domiciliari - tra il 5 e il 6 gennaio sull’Arceviese dopo essere uscita dalla discoteca Megà. Era insieme all’amica Sonia Farris. Stesso epilogo per entrambe, stesso tragico destino.


...

Una fila di persone che attende di entrare, anche se non si capisce bene dove. Quella foto, d’altronde, è così poco a fuoco che dev’essere stata scattata in fretta (vedi allegato, ndr). Di certo è l’ultima che la 43enne Elisa Rondina ha inviato alla sua amica Manuela Boldorini. Erano le 23 53 del 5 gennaio, e con quello scatto la comunicazione tra le due ragazze si è interrotta. Erano entrambe impegnate a godersi la loro grande passione in comune - il ballo -, anche se in locali diversi, nell’ultima serata utile per poter tirare fino a tardi prima della fine delle festività. Manuela si aspettava di risentire Elisa il giorno dopo. Come ogni giorno, d’altronde. Ma non è stato possibile, perché la sua amica se n’è andata tra le 4 e le 5 del mattino, travolta e uccisa da un ubriaco fuori dalla discoteca Megà insieme a Sonia Farris, all’alba di una maledetta Epifania che la comunità di Calcinelli non potrà mai dimenticare.


...

Lo aveva annunciato, ma ora carta canta. Attraverso un apposito decreto, il sindaco di Colli al Metauro Stefano Aguzzi ha proclamato il lutto cittadino per il giorno dei funerali di Elisa Rondina e Sonia Farris, che hanno perso la vita poco prima dell’alba del 6 gennaio travolte da un’auto sull’Arceviese, nei pressi della discoteca Megà di Senigallia, condotta da un 47enne ubriaco ora agli arresti domiciliari.




...

Nessun riassunto potrebbe mai sintetizzare l’essenza di una persona. Siamo esseri complessi, multiformi. Figuriamoci, perciò, se può farlo una parola. Una soltanto. Eppure, ad ascoltare chi la conosceva, Sonia Farris poteva essere in qualche modo “riassunta” così: buona. Anzi, buonissima. È questa la prima cosa che dice di lei chiunque la conoscesse. Compreso Francesco Arceci, il suo ragazzo, colui che le è stato a fianco fino all’ultimo. Si erano incontrati anche qualche ora prima dell’imprevedibile tragedia. La messa al Beato Sante, poi un giro a Pesaro. Ora Sonia non c’è più, dopo essere stata travolta sull’Arceviese insieme a Elisa Rondina, l’amica di una vita con cui stava tornando dalla discoteca Megà dopo una notte di spensieratezza.