...

Una foto non basta, per questo non ci si arrende. Mai. Sono trascorsi poco più di tre anni dalla sua scomparsa, ma i parenti di Carla Rovaldi sperano ancora di trovarne il corpo, o quantomeno un indumento. Qualcosa che riconduca a lei. E sui cui piangere. L’imminente dragaggio del porto è l’occasione per tenere ancora accesa la speranza. Mariella Longarini – la figlia dell’84enne scomparsa - ha così lanciato un appello all’amministrazione comunale, chiedendo, nei limiti del possibile, di prestare la massima attenzione durante le operazioni affinché i resti dell’anziana non vengano eventualmente danneggiati.


...

Prima lo scontro, poi l’uscita di strada, infine l’intervento dei pompieri. Un uomo di circa 70 anni era al volante della sua Audi quando è stato urtato da un piccolo furgone proveniente dalla direzione opposta. Si trovava lungo la strada provinciale 424 della Valcesano, nei pressi di Pergola. La vettura è poi finita tra le piante, fuori dalla carreggiata. L’uomo è rimasto incastrato nella vettura.


...

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Forlì, nelle prime ore di lunedì hanno arrestato tre soggetti residenti nel napoletano, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP di Forlì, poiché ritenuti responsabili di numerosi furti, commessi in diverse città italiane, in particolare nel centro e nord Italia.



...

Hanno aperto cassetti e armadi, ma senza portare via niente. Incursione in canonica durante la messa della domenica mattina nella parrocchia di Santa Giustina a Mondolfo. Ignoti sono entrati nell’abitazione del parroco e del viceparroco, hanno rovistato un po’ ovunque e poi se ne sono andati.


...

Ha perso il controllo dell’auto per cause ancora da verificare, poi si è cappottata in un fosso a lato della strada. Ecco la dinamica di un incidente autonomo avvenuto questa mattina intorno alle 10 30 lungo la Strada Orcianense in località Santa Croce, alle porte di San Costanzo. Ad avere la peggio non è stata la conducente, bensì la passeggera, una signora di 87 anni per la quale è stato necessario chiamare l’eliambulanza per trasportarla immediatamente a Torrette di Ancona.


...

Il caso nazionale dell’ordigno bellico in Sassonia, poi la bomba a Marotta. Ma non c’è due senza tre. E perché, poi, non scomodare pure l’entroterra? Ed ecco che un proiettile da mortaio lungo circa mezzo metro è spuntato a Terre Roveresche, lì dove un tempo c’era San Giorgio di Pesaro. È stato trovato in un terreno privato, durante alcuni lavori di risistemazione in seguito a una frana, a sua volta dovuta all’abbondante nevicata dell’ultimo inverno. La zona è stata subito transennata.


...

Mi hai rotto lo specchietto, anzi no. Durante la mattinata di lunedì 16 aprile è andata di nuovo in scena una delle truffe più “tradizionali” tra quelle che avvengono in strada. Si prende di mira un automobilista, lo si insegue inducendolo a fermarsi, poi lo si accusa di aver provocato un danno per costringerlo a pagare. Ma quando la vittima è più scaltra del truffatore, il finale è ancora tutto da scrivere.




Edizioni Vivere
La tua opinione è importante
Su tutti gli articoli di questo giornale è possibile lasciare un commento. L'idea che tutti stanno...
Edizioni Vivere
Accesso universale
Con il tuo username e la tua password puoi accedere e commentare su tutti i quotidiani "Vivere"!...


...

Non è ancora chiaro come non abbia potuto vedere il mezzo di fronte a lei. Sta di fatto che una ragazza fanese si è scontrata contro i vigili del fuoco, poi la sua auto si è cappottata sul fianco sinistro. È successo stamattina - intorno alle 8:30 - all’ingresso del casello autostradale di Fano. A prestare il primo soccorso alla ragazza sono stati proprio i pompieri.




...

Gli italiani vanno in vacanza, l’inciviltà no. Nei giorni in cui nella città di Fano si registrano i buoni risultati del turismo mordi e fuggi del weekend pasquale, si è costretti a segnalare l’ennesimo caso di piccolo ma grave degrado urbano, come testimoniano i non pochi rifiuti lasciati da ignoti fuori dai cassonetti tra via della Giustizia e viale Kennedy.





...

Un uomo in fin di vita, fuori da un bar di Punta Marina Terme, dalle parti di Ravenna. Se ne stava lì a terra, in un bagno di sangue. A ridurlo così a suon di coltellate all’addome, circa due mesi fa, erano stati tre albanesi – suoi connazionali -, un uomo e una donna. Ora il trio è stato arrestato in due tempi grazie a un’operazione congiunta tra polizia di Stato e carabinieri. Per prenderli c’è voluta anche una colluttazione. Uno degli agenti è finito al pronto soccorso.


...

Un ragazzo di 28 anni è morto nella sua abitazione in seguito a un’esplosione. È successo poco prima delle 11 di giovedì 29 marzo, a Ponte Sasso di Fano, in zona lungomare. Il giovane, padre di due bambini di 4 e 6 anni, si chiamava Andrea Corcione. Residente a Marotta, si trovava in un appartamento di proprietà della famiglia quando è stato trovato semicarbonizzato, riverso sul parapetto come a volerlo scavalcare. Lo scoppio e l’incendio che ne è conseguito sarebbero da ricondurre al gas di cui le stanze sono da subito risultate sature.



...

Prima l’urto, poi lo schianto contro un albero. È successo a Mondolfo, lungo la strada Cesanense. Una Fiat Punto e una Opel Micra sono state protagoniste di un incidente, per fortuna senza gravi conseguenze. La Micra ha poi terminato la sua corsa contro una pianta presente nei paraggi.


...

Venerdì scorso l’arresto, infine la convalida che li costringe a restare in carcere. È quanto ha deciso il giudice per i tre spacciatori presi a Pesaro dai carabinieri di Fano, incolonnati di fronte a un semaforo rosso dopo una breve fuga urbana.


...

Due costole fratturate, ma soprattutto tanta paura. Sono queste le conseguenze di un incidente sul lavoro avvenuto in tarda mattinata in un capannone di Colli al Metauro, nella zona industriale di Calcinelli. L’operaio, 32 anni, è caduto da un ponteggio durante un intervento all’interno della struttura adibita a palestra.


...

Un pedinamento durato mesi, l’inseguimento da film per le vie del centro di Pesaro, infine l’arresto. Anche grazie a un semaforo rosso. È finita così la vicenda di tre disoccupati, arrestati in flagranza di reato mentre stavano trasportando due etti di cocaina purissima. I due grossisti sono albanesi (H.B., 29 anni, e K.E., 30), mentre il terzo (L.E., anche lui 30enne) è un pesarese senza precedenti penali. Quest’ultimo è stato definito una sorta di insospettabile dalla faccia pulita: era lui il corriere del trio. L’operazione è stata condotta dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Fano.






...

Ore 11:15, la bomba è esplosa. È stata fatta brillare, al largo della Sassonia, a circa quattro chilometri dalla spiaggia. Prima una micro-carica pensata per allontanare i pesci ed evitarne la moria, poi l’ordigno di fabbricazione inglese risalente alla seconda guerra mondiale è stato fatto esplodere. Tanti i presenti a riva per assistere alla detonazione, arrivata in ritardo e senza offrire lo spettacolo preventivato.


...

Seguire il protocollo, le regole. Ma, all’occorrenza, superare i limiti per il bene della collettività. È questa l’estrema sintesi dell’operazione compiuta in mattinata dalla marina militare. La loro missione? Far brillare l’ordigno MK6 rinvenuto martedì 13 marzo sulla spiaggia di Sassonia, a Fano, durante i lavori per il prolungamento dello scolmatore. Mare agitato, vento, pioggia: alle condizioni sfavorevoli gli undici palombari del gruppo operativo subacqueo della marina hanno risposto buttando il cuore oltre l’ostacolo. Il primo tentativo è andato a vuoto, ma hanno accettato la sfida e si sono immersi ancora. Rischiando di nuovo la vita. Missione compiuta. Il resto è storia.


...

Il primo feroce assaggio del Burian-bis, i gabbiani controvento che sembravano fermi a mezz’aria. E poi la folla di giornalisti e passanti che di certo non erano lì per caso. Ma soprattutto loro, gli uomini della Marina Militare, gli eroi del momento ritratti direttamente in azione. Ecco una gallery di foto e video sull’operazione di brillamento dell’ordigno bellico trovato a Fano, in viale Ruggeri, la scorsa settimana. Dall’attesa in spiaggia all’intervento immortalato da vicino: una carrellata di immagini sull’operazione di questa mattina.


...

Alle ore 11:15 della mattinata odierna il Personale del Gruppo Operativo Subacquei della Marina Militare Italiana ha neutralizzato l’ordigno bellico ritrovato sulla spiaggia della località “Sassonia” del Comune di Fano in data 13 marzo.