SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

Monitoraggio della qualità dell’aria nella zona industriale di Bellocchi, Fattori: "Facciamo chiarezza"

5' di lettura
372

Al fine di fare chiarezza nella popolazione a seguito delle dichiarazioni rilasciate dal consigliere comunale Luca Serfilippi in occasione dell'incontro pubblico di confronto tra candidati sindaci tenutosi nella chiesa di Bellocchi in data 23 maggio 2024 si ritiene doveroso nei confronti della cittadinanza dare comunicazione dello stato dell'arte onde evitare allarmismi garantendo la pubblica utilità.

La prima convenzione tra Regione Marche, Comune di Fano, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche (ARPAM),e ASUR (Azienda Unica Sanitaria Regionale) per l’installazione e il funzionamento della stazione di monitoraggio della qualità dell’aria ambiente nella zona industriale di Bellocchi di Fano (di proprietà Profilglass) è stata sottoscritta in data 25.09.2015.

l’ultima convenzione, di durata 12 mesi riporta la data 15.04.2019

Il Comune di Fano ha partecipato con la corresponsione di circa 28.000,00 annuali volti a garantire il servizio di manutenzione specialistica ordinario e straordinario (inclusa la sostituzione di parti di ricambio ovvero impianti comunque malfunzionanti) “full risk” e “global service” affidato ad una ditta specialistica del settore la quale ha provveduto anche alla fornitura dei materiali di consumo nonché a garantire le specifiche previste dal DM 30/3/2017 in relazione alle attività di controllo, taratura e registrazione e della delibera n. 35/2018 del Consiglio SNPA in relazione alle procedure operative per l’applicazione e l’esecuzione dei controlli di QA/QC degli analizzatori presenti nella centralina per le reti di monitoraggio della qualità dell’aria.

La Regione Marche ha partecipato con circa € 15.000,00 (annuali) destinati coprire parzialmente i costi sostenuti da ARPAM deputata:

- all’acquisto e alla sostituzione periodica dei filtri idonei per il campionamento del PM10 ai fini dell’analisi dei metalli in aria (Arsenico; Cadmio; Nichel; Piombo,Alluminio), con frequenza di legge;

- alla validazione dei dati di PM10 e NOx provenienti dagli analizzatori della centralina nonché alla elaborazione dei dati di PM10 e NOx integrandoli con quelli dei metalli e meteoclimatici per renderli disponibili sul proprio sito, sul sito del Comune e della Regione nelle forme da questi stabilite;

- alla redazione di una relazione tecnica al termine di ogni campagna di misura.

La Centralina di monitoraggio aria di che trattasi è dotata della seguente strumentazione:

  • L’analizzatore di NO-NO2-NOx, modello Thermo Scien-tific 42è uno strumento analitico per la misura, in continuo e in tempo reale, delle concentrazioni di monossido di azoto, biossido di azoto e ossidi di azoto totali in aria ambiente.
  • L’analizzatore 5030i SHARP Synchronized Hybrid Ambient Real-time Particulate è un analizzatore di particolato atmosferico di tipo ibrido che combina la velocità di misura della nefelometria light scattering con l’accuratezza della tecnologia ad attenuazione beta.
  • Campionatore sequenziale gravimetrico a basso volume equipaggiato di testa di prelievo PM10, con taglio delle particelle di dimensioni superiori a 10μ, per la raccolta su filtro da 47 mm di diametro della frazione PM10 del particolato aero disperso, per la successiva determinazione analitica in laboratorio di:

. - Quantità di particolato PM10 per unità di volume di aria ambiente

  • Metalli pesanti presenti nella frazione PM10 del particolato
  • Benzo(a)pirene presente nella frazione PM10 del particolato
  • Stazione di monitoraggio meteo compatta

Preme evidenziare che la centralina di che trattasi, di proprietà della Profilglass spa ed è stata concessa al Comune attraverso la stipula di un contratto di comodato ad uso gratuito di durata annuale e rinnovabile.

In data 17.01.2023 detta società, in relazione alla richiesta di rinnovo del contratto formulata dall’U.O.C. Ambiente (P.G. 123011 del 22.12.2022) comunicava la propria intenzione a “di non procedere al rinnovo del contratto” togliendola di fatto dalla disponibilità del comune ed interrompendo pertanto il monitoraggio dell’aria ambiente nell’area industriale di Fano.

E’ doveroso rimarcare altresì che, valutata la rilevante importanza che riveste l’attività di monitoraggio dell’aria ambiente nell’ambito della tutela della salute pubblica, a far data dall’anno 2020, (scaduta la convenzione, ma avendo la disponibilità della centralina di monitoraggio a seguito di stipula del contratto ci comodato d’uso gratuito) questa U.O.C. Ambiente ha provveduto, attraverso richieste formali, ad invitare, Regione Marche, ARPAM e ASUR a procedere al rinnovo della convenzione al fine di mantenere attiva e funzionante, (condividendone gli oneri) la stazione di rilevamento e controllo strumentale della qualità dell’aria, di proprietà Profilglass senza però ottenere soddisfazione. Infatti,

-La nota P.G. 032317 del 25/05/2020 di questo ufficio veniva riscontrata unicamente dall’ARPAM;

-Alla nota PG 4626 del 19.01.2021 di questo Ufficio, riscontrata dall’ARPAM e dall’ASUR, seguiva la nota di sollecito per la Regione Marche P.G.30210 del 19/04/2021 a cui non è seguito riscontro

-la nota P.G. 5721 del 21.01.2022 di questo ufficio non aveva riscontro alcuno

-la nota P.G. 123016 del 22.12.2022 di questo ufficio veniva riscontrata solo dalla Regione la quale invitava l’ARPAM a quantificare le risorse necessarie all’adempimento delle prestazioni.

In data 17.01.2023 come sopra indicato, il Comune di Fano non era più nella disponibilità della stazione di monitoraggio.

Nonostante quanto sopra, quindi anche in assenza di convenzione, nel periodo 2020- 2022, questa Amministrazione, al fine di mantenere attiva e funzionate la centralina di che trattasi, ha stipulato con un’apposita impresa, un contratto di manutenzione specialistica ordinario e straordinario della stessa, comprensivo anche della fornitura dei materiali di consumo (contratto Full Risk e Global service). Ed ha pertanto provveduto a monitorare l’aria ambiente nella zona industriale di Bellocchi.

Si ritiene doveroso evidenziare a tal proposito che nel corso dell’anno 2020 e 2021 personale ARPAM del Dipartimento provinciale ha continuato, anche in assenza di convenzione, a verificare e validare i dati forniti dalla centralina di monitoraggio dell’aria di proprietà della Profilglass spa.

Nella giornata di oggi infine si è svolta una conferenza dei servizi già fissata con Arpam e Regione Marche per discutere una pratica riguardante la ditta Profilglass.

Oggetto della riunione era la riattivazione della convenzione per la centralina di monitoraggio che risulta essere una delle richieste degli enti.

L’U.O. Ambiente svolge da anni un importante lavoro di tutela che spesso come in questo caso travalica anche le sue competenze.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2024 alle 22:51 sul giornale del 25 maggio 2024 - 372 letture






qrcode