SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

A Fano uno storico incontro sull’Omolesbobitransfobia

2' di lettura
326

Una data che può segnare un punto di svolta per ciò che concerne le tematiche legati ai diritti del mondo Lgbtqia+ e nella lotta contro gli stereotipi e le discriminazioni sessuali. L’appuntamento è a Fano dove a partire dalle 21:00 di venerdì 17 maggio si terrà uno storico incontro in occasione della Giornata Mondiale contro l’Omolesbobitransfobia.

Storico anche perché per la prima volta a livello nazionale un incontro di questo tipo vedrà la partecipazione di un sacerdote, volto noto a Fano: Don Giuseppe Cavoli.

Presso la Sala della Cultura (Via Arco d’Augusto, 81) è in programma una tavola rotonda sul tema “I colori dei diritti … da Stonewall ad oggi”. L’obiettivo della serata consiste nel rivolgere l’attenzione su coloro che fanno parte della realtà Lgbtqia+, per la tutela dei loro diritti di appartenenza paritaria a una comunità sociale civile e democratica, mentre condividono gli stessi doveri di ogni cittadino/a e cittadin*.

Il dibattito sarà moderato da Michele Mattioli, rappresentante della lista Europa Verde Fano. Variegato il panorama di ospiti e relatori:

  • Luca Persini del Direttivo Provinciale Arcigay (il quale parlerà della tematica relativa all’evoluzione di diritti);
  • Giulia Del Pivo (psicologa e attivista Arcigay);
  • Maria Cristina Mochi (Presidente AGEDO Marche che curerà il focus su ‘I nostri figli, parte di una società e non di una società a parte);
  • Filippo Sanchi, candidato della lista Verdi-Ribella per la coalizione dei ‘Progressisti per Fano 2050 che parlerà de ‘Il mio percorso nella comunità Lgbtqia+’;
  • Don Giuseppe Cavoli incaricato diocesano per la pastorale Lgbtqia+, che tratterà il seguente tema: nuovo sguardo della chiesa verso la comunità Lgbtqia+.

Da tempo don Cavoli all’interno della Curia fanese si occupa di incontrare i genitori di ragazzi e ragazze con una diversa sessualità, in un percorso di comprensione e avvicinamento cristiano alla comunità Lgbtqia+.

La cittadinanza è invitata a partecipare a questo incontro che rappresenta un’occasione di riflessione su temi spesso divisivi e al contempo importanti per maturare una consapevolezza democratica, costituzionale ed europea che favorisca inclusione e giustizia per tutti.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2024 alle 22:40 sul giornale del 14 maggio 2024 - 326 letture






qrcode