SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
articolo

Quali gadget regalare ai dipendenti e ai clienti per Natale?

4' di lettura
26

Quella degli omaggi di Natale è una tradizione che si perpetua con il passare degli anni, anche nel settore del business. In questo settore, in effetti, l’arrivo della stagione natalizia mette a disposizione un’occasione speciale per consolidare i rapporti non solo all’interno del contesto lavorativo, ma anche al di fuori dello stesso. In questi giorni dall’atmosfera speciale, è viva e si riproduce la consuetudine di scambiarsi i doni, ma non si tratta di un banale atto di gentilezza: per le aziende, infatti, questo è a tutti gli effetti un investimento di tipo strategico, una sorta di ponte che favorisce la nascita e il rafforzamento di legami di reciproca fiducia.

Il valore di un regalo

Un dono è, dal punto di vista di un dipendente o di un collaboratore, un simbolo importante e concreto che trasmette il segno di apprezzamento che proviene dal datore di lavoro, che grazie a questo regalo esprime il proprio riconoscimento per l’impegno profuso e per il lavoro che è stato svolto. Ma un discorso simile vale anche quando ci sono di mezzo i fornitori o i clienti: in tali circostanze, infatti, un omaggio natalizio può essere considerato un importante segno di stima e al tempo stesso di gratitudine.

Guida alla scelta dei gadget personalizzate

Le tipiche ceste che accolgono una vasta gamma di prodotti gastronomici rappresentano un grande classico dei gadget per Natale, ma esistono molte altre opzioni che meritano di essere prese in considerazione per un dono di questo tipo. Si pensi, per esempio, agli accessori tecnologici, ma anche alle agende o alle tazze. Quel che è certo è che le procedure di personalizzazione offrono la possibilità di adattare il dono in modo specifico, così da favorire un legame emotivo più solido tra chi riceve il regalo e il marchio che lo fornisce. Un esempio concreto può essere utile per capirne di più: un gadget su misura, dal punto di vista di un cliente, può essere un sinonimo di considerazione e cura, sentimenti che travalicano il classico rapporto di tipo commerciale. D’altro canto, dal punto di vista dei dipendenti gli omaggi promozionali contribuiscono ad accrescere i sentimenti di appartenenza e di fierezza, che si rivelano decisivi per dar vita a un contesto di lavoro produttivo e unito.

La brand awareness

Pensare di sfruttare il periodo natalizio per offrire in omaggio dei gadget personalizzati garantisce dei benefici non solo, ovviamente, a chi quei doni li riceve, ma anche alle aziende che li propongono. È auspicabile che i gadget personalizzati siano oggetti realmente utili e destinati a essere adoperati nella vita di tutti i giorni: in questo modo, il marchio potrà essere ricordato con più facilità, e al tempo stesso si potranno orientare le decisioni di acquisto dei consumatori. È un fatto che si fonda su un principio psicologico che è legato alla reciprocità, in base al quale le persone che ricevono un regalo tendono a sentirsi in debito, e di conseguenza sono indotte a comprare i servizi o i prodotti del marchio da cui il dono è stato fornito, come per ricambiare la gentilezza del gesto.

L’effetto dei gadget promozionali

La British Promotional Merchandise Association ha condotto una ricerca che ha dimostrato che l’83% dei consumatori tende a ricordarsi dei marchi da cui si è visto consegnare un gadget promozionale; sempre secondo questo studio, quasi 3 persone su 4 tendono a comprare da marchi che propongono omaggi pubblicitari. Le aziende, dunque, grazie ai doni hanno l’opportunità di entrare a far parte della quotidianità dei consumatori, in modo quasi subliminale, e però generando un impatto destinato a durare a lungo nel tempo. Per questo motivo la brand awareness viene rafforzata, e si innesca una relazione con il cliente positiva anche sul lungo periodo.

Il budget a disposizione

È inevitabile che la scelta del regalo dipenda anche dal budget che si ha a disposizione. Esistono un sacco di gadget per i quali, comunque, non si spendono più di 5 euro a pezzo: per esempio i cappelli, le borse, i calendari, i bloc notes, le penne stilografiche, le agende e i portachiavi. Tra i 10 e i 15 euro, invece, sono disponibili borracce, chiavette usb e t-shirt da personalizzare.



Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2024 alle 09:00 sul giornale del 08 maggio 2024 - 26 letture



qrcode