SEI IN > VIVERE FANO > CRONACA
articolo

Latte adulterato con soda caustica: maxi sequestro e nove indagati di tre società del gruppo Cooperlat

2' di lettura
4470

Soda caustica per ridurre l'acidità del latte. E' questa la pesante accusa con cui la Procura di Pesaro ha aperto un'inchiesta che interessa tre società del gruppo Trevalli Cooperlat e che vede al momento nove soggetti iscritti nel registro degli indagati, ritenuti coinvolti nella frode in commercio e nella adulterazione del latte.

Si tratta di Nicolas Capomasi, addetto alla produzione, Francesco Caverni, tecnico di laboratorio dell’Amap (Agenzia Marche Agricoltura e Pesca), Gianluigi Draghi, presidente del consiglio di amministrazione di Fattorie Marchigiane, Samuele Girolomoni, addetto alla produzione, Frediano Luconi, coordinatore dei siti di produzione, Roberto Manna, responsabile di laboratorio, Giuseppe Nucci, consulente aziendale esterno, Bernardo Pittalis, direttore di produzione e Diego Zanchetti, addetto all’inserimento nei sistemi gestionali e al prelievo a campione del latte. L’avviso di garanzia gli ha notificato l’accusa nei loro confronti per i reati di adulterazione del prodotto e frode in commercio. I primi illeciti risalirebbero addirittura a cinque anni fa mentre nell'ottobre scorso sarebbero stati rinvenuti i primi cagliati non ben conservati.

La vicenda ha preso il via a seguito della denuncia di un ex dipendente e lunedì scorso è avvenuta la maxi perquisizione nello stabilimento di Colli al Metauro. Un’operazione congiunta dei carabinieri e dell’ufficio di polizia giudiziaria ha portato al sequestro di 90 tonnellate di latte e 110 di formaggi adulterati, del valore complessivo di oltre 800 mila euro. L’azienda TreValli ha respinto le accuse mosse dall’ex dipendente, sostenendo che gli ispettori hanno confermato la perfetta igiene degli ambienti e l’integrità dei prodotti ma le indagini sono ancora in corso e occorrerà attendere i risultati completi prima di trarre conclusioni definitive mentre Fattorie Marchigiane ha dichiarato la propria disponibilità a collaborare.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo


Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2024 alle 10:40 sul giornale del 29 aprile 2024 - 4470 letture






qrcode