SEI IN > VIVERE FANO > CULTURA
comunicato stampa

Mondolfo: presentato il libro "Vita di Padre Agostino Gallucci da Mondolfo - Scrittore, poeta e francescano"

1' di lettura
62

Un uomo più rinascimentale che barocco Padre Agostino Gallucci da Mondolfo la cui vita è stata presentata sabato pomeriggio 13 aprile 2024 in un libro promosso dalla locale Sede dell’Archeoclub d’Italia.

Un pubblico particolarmente interessato ha partecipato all’incontro, svoltosi al Complesso Monumentale di Sant’Agostino, e dedicato alla riscoperta di uno dei figli illustri della Terra di Mondolfo, appartenente ad uno dei casati della nobiltà di reggimento più in vista della città fortificata sul mare. Dopo i saluti del presidente di Archeoclub Mondolfo Alessandro Berluti e della consigliera comunale Agnese Fuligni in rappresentanza dell’Amministrazione, è stato lo storico dell’arte Claudio Paolinelli ad introdurre il curatore della ricerca lo storico senigalliese Donato Mori.

Nella sua relazione l’autore de “Vita di Padre Agostino Gallucci da Mondolfo – Scrittore, poeta e francescano”, ha ripercorso le tappe di questo illustre concittadino mondolfese, che dopo essersi dedicato alla scrittura in versi, entrò trentenne nell’ordine dei francescani, ricoprendo importanti incarichi - in Italia ed in Europa - fino alla morte, nel 1647, in odore di santità, nel convento di S.Maria delle Grazie a Senigallia e dopo aver dato alle stampe importanti pubblicazioni. Una vita, quella di Gallucci, che permette anche in controluce, come è stato detto, di conoscere fatti e luoghi della storia mondolfese ed europea di quel torno di tempo. La presentazione è avvenuta nell’ambito delle celebrazioni promosse per il 550° anniversario dell’infeudazione di Giovanni Della Rovere (1474- 2024) su Senigallia, Mondolfo e Mondavio. con il patrocinio della Regione Marche, del Comune di Mondolfo e di Pesaro Capitale Italiana della Cultura 2024.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2024 alle 15:20 sul giornale del 16 aprile 2024 - 62 letture






qrcode