SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
articolo

Centrosinistra, Fanesi: “Ora un programma contro la superficialità della destra”. Mascarin: “Adesso arriva Cristian”

5' di lettura
1418

Una conferenza con tutti e quattro i candidati. È così che il centrosinistra ha voluto ribadire la sua compattezza, anche all’indomani del ballottaggio delle primarie che ha ‘incoronato’ Cristian Fanesi. Sarà lui a rappresentare la coalizione e ad ambire alla poltrona di sindaco, sfidando Luca Serfilippi della compagine di centrodestra denominata ‘Per Fano’ e Stefano Marchegiani per i ‘Progressisti per Fano 2050’. Lo scarto, però, è stato soltanto di tre voti, davvero pochissimi, su Samuele Mascarin (In Comune e Sinistra Italiana), colui che ha lavorato per oltre un anno per far sì che le primarie divenissero una realtà. Salvo poi perderle per un soffio.

Ma ora si va uniti, a maggior ragione per il fatto che da questo doppio appuntamento non sia davvero emersa una figura in grado di spiccare sulle altre. “Questo è un dato da tenere in considerazione – ha ammesso Fanesi -, ma è anche la prova che da noi non c’è e non ci sarà un uomo solo al comando, ma una squadra pronta ad ascoltare il territorio e a fare il bene della città”. Sarà dunque un lavoro collegiale quello che attenderà il centrosinistra, che però dovrà fare i conti con un calendario impietoso. A differenza degli avversari, infatti, la coalizione guidata dal vicesindaco uscente, per dirla con Mascarin, “avrà meno di due mesi per far prevalere la sua proposta politica su quella della destra”.

Sì, perché l’uomo da battere parrebbe sempre lui – Serfilippi -, vuoi per l’entusiasmo che si respira intorno alla sua candidatura, vuoi perché i progressisti non sono mai stati visti come degli avversari. Non per sminuirli, ma perché non si è mai sopita, finora, la speranza di ricucire quell’alleanza saltata proprio sull’altare delle primarie, invise alle forze capitanate da Marchegiani e divenute principale motivo dello strappo. Ma Fanesi aveva fatto una promessa, quella che in caso di vittoria delle primarie la sua prima chiamata sarebbe stata “per Stefano”. E lui Stefano parrebbe averlo chiamato davvero, avrebbe ricevuto da lui anche i complimenti del caso. Ma non è dato sapere se vi sarà un incontro attraverso cui riavvicinare le due coalizioni.

Ad ogni modo, per Fanesi, quella di domenica “è stata una bella giornata, perché ha vinto il centrosinistra, perché abbiamo portato la gente a partecipare, a sostenere un progetto politico e non un singolo candidato. Il risultato è ovviamente importante per me, e faccio i complimenti a tutti. In primo luogo a Samuele, con cui la competizione è stata leale e corretta, e ringrazio per il bel lavoro svolto anche Etienn e Cora”, ha aggiunto rivolgendosi agli altri due candidati – Lucarelli e Fattori - arrivati rispettivamente terzo (in rappresentanza di ‘Noi Civiche Fano’) e quarta (per ‘F’ e +Europa).

Fanesi ha poi lanciato la sfida. “Abbiamo posto le basi – ha detto - per un progetto politico che ci vedrà protagonisti e con ottime probabilità di vittoria. Questo centrosinistra è stato costruito bene, su basi solide”. Per Mascarin si sta per aprire una nuova pagina, “e non soltanto per la fine dei dieci anni di amministrazione Seri”. A suo avviso il dato più importante è stato quello della partecipazione: poco più di 3mila le persone che due domeniche fa si sono recate nei dieci seggi sparsi per la città per il primo turno delle primarie, poco più di 2mila quelle che si sono presentate per il ballottaggio. “Numeri non banali – ha detto -, perché abbiamo riportato la gente a partecipare a decisioni che altrimenti sarebbero state prese nei palazzi. Ora dobbiamo far vale la nostra proposta politica. Ieri sera, intanto, un abbraccio liberatorio tra noi. Le nostre occhiaie parlano per noi".

Anche per Fattori si è dimostrato che “c’è un centrosinistra nuovo, con una nuova linea politica. Abbiamo tutti poco più di quarant’anni – ha detto -, e abbiamo entusiasmo e determinazione. Invito la città a guardare bene la nostra squadra, la nostra voglia di stare sul pezzo. Ci potete dire tutto, ma non che non siamo seri e operativi. Il nostro è un rinnovamento basato sulla qualità, non sugli slogan”. Durante la conferenza si è infatti fatto accenno anche alla campagna di comunicazione di Serfilippi, soprattutto a quei video che da giorni circolano sui social al grido di ‘Adesso arriva Luca’. “Adesso arriva anca Cristian”, ha chiosato ironicamente Mascarin scomodando anche un po’ di dialetto. Secondo Lucarelli il centrodestra starebbe comunicando “con un tantino di arroganza e di supponenza, mentre qui c’è una ‘famiglia’ che vuole lavorare per la città”. “Carina l’idea – ha invece commentato Fattori -, ma bisogna guardare sotto il velo della superficialità. Luca arriva, bene, ma poi cosa fa? Cosa propone ai fanesi?”. E il centrosinistra, invece, cosa propone? “Scriveremo insieme un programma – ha affermato Fanesi -, e daremo via a una campagna contro la superficialità”. Secondo Lucarelli si dovrà puntare sui contenuti. “Oggi ne usciamo più forti di prima”, ha detto.

A ostacolare le ambizioni della coalizione, però, potrebbe esserci lo spettro della filiera istituzionale che invece è tanto cara al centrodestra, che sembra puntare parecchio sul fatto che Regione e governo centrali siano in mano alla loro parte politica, circostanza che – almeno sulla carta – potrebbe agevolare l’arrivo di progetti e finanziamenti per il territorio fanese. “Chi parla in questo modo – ha detto ancora Lucarelli – avrebbe già potuto fare qualcosa per Fano attraverso la Regione. E invece pensiamo alla sanità, ambito da cui usciamo penalizzati a favore del privato e di altri territori. E l’arretramento della ferrovia? Sembra che Acquaroli voglia un nuovo progetto. E a noi quando ce lo vuole dire?”. “Il tema della filiera istituzionale non mi appassiona – ha concluso Fanesi -, e non credo che qualcuno voglia fare dei dispetti a Fano penalizzandola in qualche modo. So però per certo che questa è una città di gente orgogliosa, e che si farà valere".

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo




Questo è un articolo pubblicato il 15-04-2024 alle 16:34 sul giornale del 16 aprile 2024 - 1418 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode