SEI IN > VIVERE FANO > CRONACA
articolo

Emetteva scontrini ma il registratore di cassa era staccato: ristoratore scoperto dopo quattro anni

2' di lettura
14312

Aveva aperto il locale cinque anni fa, e da quattro non stava più pagando le tasse. Alla fine la guardia di finanza l'ha scoperto, ed è finito nei guai. Si tratta di un ristoratore fanese, di cui l'unica cosa che è data sapere è che operi nella zona mare.

Secondo un primo esame da parte delle fiamme gialle gli incassi annuali non dichiarati ammonterebbero ad alcune decine di migliaia di euro l'anno. Il ristoratore avrebbe agito emettendo, sì, gli scontrini, ma senza collegare il registratore. Di fatto il locale è risultato sconosciuto al fisco. Contestata anche la presenza di quattro lavoratori in nero. Il ristoratore avrebbe espresso la volontà di sanare tutte queste ‘mancanze’.

Si tratta di una delle tante risultanze delle indagini svolte a inizio marzo dalla guardia di finanza in tutta la provincia di Pesaro Urbino, insieme al personale specializzato antiterrorismo e in sinergia con i cani antidroga. Quarantatré le attività controllate per verifiche di tipo fiscale, 12 le irregolarità emerse.

Riflettori puntati sulle stazioni ferroviarie e sui luoghi più frequentati, tra cui il litorale e i parchi. Questo ha permesso di individuare e sequestrare 15,7 grammi di hashish e 3 di marijuana. Merito dei militari a quattro zampe Alex ed Ebro, grazie a cui una persona è stata denunciata per violazione delle norme in materia di stupefacenti e altre quattro sono state segnalate alla prefettura per consumo di droga.

Il monitoraggio del territorio provinciale, da inizio mese, ha permesso di identificare in tutto 454 persone, mentre sono stati 298 i veicoli controllati. Quindici le violazioni al codice della strada, 4 le persone trovate al volante di auto di lusso e di cui sta verificando l'effettiva capacità contributiva. Quattordici, invece, i controlli in materia di accise nei distributori del territorio e sulle autocisterne. Controllati anche tre esercizi pubblici per verificare il rispetto della normativa sul lavoro e sul diritto d'autore.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo


Questo è un articolo pubblicato il 13-03-2024 alle 16:03 sul giornale del 14 marzo 2024 - 14312 letture






qrcode