SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Approvata la mozione per il riconoscimento della fibromialgia come patologia invalidante: un importante passo avanti per le Marche

1' di lettura
296

"Un importante risultato per circa 30 mila persone affette da fibromialgia nelle Marche,  di cui il 90% donne. E’ stata approvata infatti ieri  dalla Camera dei Deputati una mozione, che impegna il Governo a riconoscere la fibromialgia come patologia invalidante e inserirla nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA)", questo il commento della consigliera regionale Micaela Vitri.

"Proprio per sensibilizzare tutto il Parlamento su questo tema, lo scorso 3 ottobre, ho organizzato a Montecitorio una conferenza stampa - prosegue Vitri - insieme all’onorevole marchigiano Augusto Curti, a cui hanno partecipato anche la responsabile nazionale Sanità Dem Marina Sereni, i primi firmatari di due proposte di legge sulla fibromialgia Gian Antonio Girelli , Ylenia Zambito, il capogruppo PD Marche Maurizio Mangialardi e la Presidente di Associazione Fibromialgia Italia delle Marche Antonella Moretto.

Ormai da quasi due anni, insieme alle associazioni, portiamo avanti la battaglia per il riconoscimento della fibromialgia nei Lea, a tutela dei 30 mila marchigiani che ne soffrono, costretti a sostenere costi pesanti per terapie, integratori, farmaci e visite mediche senza nessuna esenzione.

In Consiglio regionale sono state discusse due mie interrogazioni sulla fibromialgia, che hanno sollecitato l’Assessore Saltamartini a convocare il primo tavolo tecnico. Ora è stato fatto un altro passo avanti grazie all’approvazione della mozione alla Camera. Abbiamo aperto una strada e ora mi auguro che la Commissione Sanità lavori per approvare

il prima possibile quelle proposte di legge, presentate da parlamentari di diversa appartenenza politica, che riconoscono questa patologia come invalidante, magari creando un testo unico votato all'unanimità, per inserire la fibromialgia nei Lea", conclude la consigliera.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-03-2024 alle 20:55 sul giornale del 03 marzo 2024 - 296 letture






qrcode