SEI IN > VIVERE FANO > ECONOMIA
comunicato stampa

Isola del Piano: Girolomini per la prima volta nella guida 'Slow food' e riceve il faccino radioso da "Il Golosario"

2' di lettura
3124

Circondata dai campi coltivati con metodo biologico nella collina di Montebello, nelle Marche, in una cornice naturalistica mozzafiato in cui il tempo sembra essersi fermato, la Locanda Girolomoni accresce il suo posizionamento.

E lo fa con un doppio riconoscimento: per la prima volta sbarca nell’ambita guida enogastronomica ‘Osterie d’Italia di Slow Food’ e si conferma per il terzo anno consecutivo ne ‘Il Golosario Ristoranti del Gatti Massobrio’, dove è presente con il famoso ‘faccino radioso’. Il simbolo rappresenta un importante riconoscimento che attesta la sosta perfetta, dove si è mangiato benissimo e si è stati accolti con calore e professionalità. “Una sosta- come riportato nella guida- che merita la divagazione e il viaggio apposta”.

“Attraverso l’accoglienza e la buona cucina della Locanda, siamo riusciti a valorizzare la nostra terra e la nostra pasta, che produciamo utilizzando le migliori varietà di grano biologico, perché da sempre l’obiettivo della nostra cooperativa non è solo portare in tavola una buona pasta, ma al contempo preservare la biodiversità, tutelando il territorio - afferma Maria Girolomoni, figlia di Gino e responsabile delle Pubbliche Relazioni per l’ecosistema Girolomoni-. Essere inseriti per la prima volta in ‘Osterie d’Italia di Slow Food’ e ricevere dopo tre anni l’attestazione di ‘faccino radioso’ all’interno de ‘Il Golosario Ristoranti del Gatti Massobrio’ ci spingerà ancora di più a continuare il cammino intrapreso con il più ampio progetto del Grano Turismo”.

GranoTurismo è l’insieme dei servizi dedicati all’accoglienza dell’ecosistema Girolomoni, quindi il B&B, la Locanda e la Fattoria didattica. Tre realtà per scoprire il piacere di un turismo lento e a misura d’uomo, dove essere ospiti significa vivere la filiera dal seme, al campo fino al piatto; significa fare esperienza del biologico. Perché come diceva Gino Girolomoni, pioniere del bio in Italia e co-fondatore dell’omonima cooperativa agricola, ‘mangiare non è soltanto trasformare e cuocere il cibo: è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, profumo, semplicità, compagnia’. I suoi valori tutt’oggi sono sapientemente portati avanti dai figli Samuele, Giovanni Battista e Maria, insieme a soci e collaboratori.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-12-2023 alle 20:12 sul giornale del 12 dicembre 2023 - 3124 letture






qrcode