SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

Consiglio monotematico sulla sanità, Busca (Psi): "Soltanto una passerella per la Regione"

2' di lettura
116

L’incontro a Fano con il Presidente Acquaroli, Saltamartini, Baldelli, Storti sulla sanità non è servito a niente. O meglio non è servito alla Città e ancor meno agli operatori del Santa Croce che tanto ne sapevano e tanto ancora ne sanno.

È servita invece alla Giunta Regionale per la passerella “del faremo”, ma anche per dare qualche “buffetto” all'assenza di idee e di progetto alla nostra Amministrazione Comunale.

Per avere certezza che i posti letto definiti di ortopedia (ma che in realtà contengono posti letto anche di altre discipline) non serviva la risposta dell’Assessore bastava leggere le norme del decreto Balduzzi per capire che non si può fare turismo sanitario di posti letto tra un ospedale e l’altro se il piano afferma che a Fano esiste un ospedale di primo livello. Il problema è altro, e la mancata visione politica della Giunta relega ancora una volta Fano nella posizione di “gregario provinciale” perché incapace di far valere politicamente alcuni asset: Terza città dele Marche, struttura di pregio e riferimento prima che venisse smontata a favore di Pesaro, servizi che seppur limitati sono ancora di eccellenza.

Il tema che si apre è nel piano aziendale ed il pressing vero va fatto sulla definizione degli assetti organizzativi che sono nelle competenze della dott.ssa Storti per una visione tecnico gestionale compatibile con un percorso integrato tra le strutture di tutta la provincia, ma oltre alla funzione tecnica del direttore della AST anche la politica che se ha la forza batta un colpo! Per noi socialisti Fano deve rivendicare un ruolo non solo legato alla realtà provinciale, a cui presteremo molta attenzione e che per larga parte è immaginabile tra le strutture di Fano e Pesaro: area medica e specialistica di medicina a Fano, area chirurgica elettiva ed emergenza a Pesaro. Ma Fano deve riprendere la sua naturale vocazione di rapporto organico con l’Università di Ancona divenendo il naturale contenitore delle specialistiche della Università di Medicina che vive insieme alla struttura di Torrette una forte difficoltà di gestione e risorse. Un Polo Medico Universitario legato ad Ancona diviene anche strumento che rafforza ed integra la presenza dei corsi di laurea che esistono a Fano della Università di Urbino di Biotecnologie.

Un governo della città consapevole si esercita attraverso idee e battaglie che sono la ragione della politica che deve tornare a svolgere la funzione di dialogo con i cittadini per accompagnarli sulla strada della consapevolezza e non delle pulsioni emotive. Altrimenti si corre il rischio di trasformare Fano in una Città di sonnambuli e cieca di fronte ai grandi sconvolgimenti come se ciò che è sotto gli occhi di tutti non ci tocchi.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-12-2023 alle 21:28 sul giornale del 11 dicembre 2023 - 116 letture






qrcode