SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

La Fano-Urbino fuori dal Piano strategico 2032, la denuncia del Comitato Ciclovia del Metauro: "Ripristino impossibile? Ce lo devono dire"

2' di lettura
398

Nel Piano strategico 2032 approvato dalla Giunta regionale è compreso anche un “anello ferroviario” che già unisce “Ascoli-Porto d’Ascoli-Civitanova-Fabriano” e “dovrà agganciare la Orte- Falconara”.

In precedenza questo “anello” era molto più ampio perché comprendeva la Fano Urbino da collegare alla Pergola Fabriano, già riattivata a fini turistici e, in prospettiva, anche commerciali; il tutto farebbe parte della “Subappennina Italica”, una linea interna che dovrebbe collegare alla Orte Falconara anche la valle del Metauro. Nel Piano strategico 2032 della Fano Urbino non risultano tracce, nonostante se ne continui a sostenere il ripristino.

Di questa esclusione non sono stati comunicati i motivi che pure interessano tantissimi cittadini, soprattutto quelli che rivogliono la ferrovia ed hanno creduto a promesse elettorali che non vengono mantenute, anche se ci sono tutte le condizioni favorevoli; infatti, c’è il sostegno della AD di RFI, della Regione Marche, di importanti associazioni economiche e culturali, di ingegneri ferroviari, ecc.; inoltre, qualcuno pensa che si possano ottenere finanziamenti dal PNRR e molti altri sono convinti che esista il riconoscimento di “ferrovia turistica” grazie alla legge 128/2017. Oltretutto, secondo una mozione presentata pochi anni fa in Consiglio regionale, “la linea risulta completamente armata e integra per quanto riguarda l’armamento e le opere d’arte (ponti, gallerie, viadotti), sono intatte le stazioni, i binari di transito e di sosta, le banchine e i fabbricati accessori di stazione e il collegamento con la linea adriatica risulta ancora integro e funzionale”.

Pertanto, l’esclusione della Fano Urbino dal Piana strategico 2032 non sembra giustificabile; una spiegazione però ci sarebbe: si è preso atto che il suo ripristino non è possibile ma non lo si vuole dire. Per fare chiarezza le occasioni non mancano, come ad esempio qualche convegno, magari grazie allo studio di fattibilità del ripristino che da due anni aspetta invano di essere pubblicato.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2023 alle 12:08 sul giornale del 04 dicembre 2023 - 398 letture






qrcode