SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

Bene Comune: i 20 milioni di euro dell'Interquartieri siano usati per mettere in sicurezza il territorio

2' di lettura
168

Nel prossimo consiglio comunale arriverà una delibera che propone di finanziare per più di 5 milioni di Euro la interquartieri/circonvallazione Trave Gimarra e accendere un mutuo di 8 milioni di Euro per la nuova biblioteca Federiciana. Questa delibera è assurda per diversi motivi.

Che senso ha costringere i consiglieri comunali a prendere o respingere in blocco queste due opere così diverse fra loro? La buona politica consente sempre di scegliere singoli progetti e non mette mai nella stessa delibera cose così diverse fra loro. Poi c’è la questione economico-finanziaria. I dirigenti del Comune di Fano hanno già scritto che un mutuo del genere mette a forte rischio i conti del Comune, mentre un'amministrazione comunale dovrebbe comportarsi come il buon padre di famiglia, senza lasciare debiti che graveranno sui cittadini presenti e futuri con tagli di servizi essenziali.

D’altra parte la contestatissima strada inutile, sbagliata e devastante di Gimarra non ha più i tempi per essere realizzata, e costa molto di più dei 25 milioni previsti. Su di essa pende inoltre un ricorso al TAR che con ogni probabilità annullerà tutto, visti gli incredibili e numerosissimi errori amministrativi che hanno accompagnato l’iter di tale opera. Si pensi solo al fatto che il Comune ha fatto credere al CIPESS che i 20 milioni di Euro di finanziamento sono per l’adduzione all’ospedale unico di Marche Nord, ospedale che non esiste più da tempo, mentre in consiglio comunale manda un’opera che descrive come il completamento dell’interquartieri di Fano!

Non si capisce tanta ostinazione: dopo aver dichiarato l'emergenza climatica il Sindaco e la sua maggioranza si sono distinti per l'attacco sistematico al patrimonio ambientale cittadino al quale, pare, vogliano dare il colpo di grazia con un'opera, che, quando bisognava prendere i voti, loro stessi avevano definito inutile e dannosa.

Facciamo allora una proposta: chiediamo di utilizzare i 20 milioni di Euro per mettere in sicurezza il nostro territorio così fragile, che l’interquartieri andrebbe a peggiorare sensibilmente, e mettiamo i 5 milioni di Euro di avanzo sulla nuova biblioteca Federiciana, aggiungendovi eventualmente 3 milioni di Euro di mutuo che potrebbero ridursi grazie a contributi di privati. Una città che si vanta di sostenere il Patto per la lettura, che parla di territorio “green e blue”, davvero vuole preferire una strada ad una biblioteca?



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2023 alle 11:45 sul giornale del 03 giugno 2023 - 168 letture






qrcode