SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Riapertura di tutte le guardie mediche della provincia, approvata mozione Ruggeri (M5S): "Ottenuto risultato importante"

2' di lettura
160

guardia medica

Approvata all’unanimità, martedì in consiglio regionale, una mia mozione sul ripristino di tutte le sedi della continuità assistenziale nella provincia di Pesaro Urbino. Il voto sottoscrive un impegno importante, molto significativo, perché getta i presupposti di un miglior servizio ai cittadini.

La perdurante chiusura della guardia medica a Gabicce o alcune aperture ancora a singhiozzo stanno infatti sottraendo un punto di riferimento a chi sta male e al tempo stesso stanno sovraccaricando di lavoro improprio il settore ospedaliero dell’emergenza-urgenza.
Il consenso unanime alla mozione è un ottimo risultato per la sanità nella provincia di Pesaro Urbino, pertanto ne sono molto contenta. Naturale è, comunque, che continuerò a vigilare sul rispetto dell’impegno. Durante l’intervento ho inoltre riconosciuto che la situazione del servizio è migliorata nel tempo. Ecco qual è il quadro complessivo alla fine di maggio.
Tutte aperte le sedi della guardia medica nel distretto urbinate, Cagli ha però subito 5 giorni di chiusura nel mese. Per quanto riguarda il distretto pesarese, il servizio del capoluogo è a pieno regime, mentre a Vallefoglia è aperto solo il sabato e la domenica, non più il venerdì, e a Gabicce è chiuso. Nel distretto fanese aperte le sedi a Fano, Calcinelli e Fossombrone; a Mondolfo servizio solo il sabato e la domenica (21 maggio chiusura). Aperture irregolari a Pergola e Mondavio, dove la situazione appare migliore rispetto all’altro caso.
Una situazione ancora a macchia di leopardo, dunque: portarla alla completa normalità e uniformità è ora un obiettivo condiviso dell’amministrazione marchigiana. Un occhio di riguardo per il servizio di continuità assistenziale è una garanzia di buon funzionamento per il sistema sanitario pubblico e di conseguenza per i cittadini.



guardia medica

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2023 alle 16:42 sul giornale del 31 maggio 2023 - 160 letture






qrcode