SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
articolo

Ladri di fiori in azione sui ponti attorno ai Passeggi, l’indignazione dell’assessora: “È un furto vero e proprio, senza scrupolo né morale” [FOTO]

1' di lettura
998

Vasi appesi, pieni di terra ma senza fiori e con tanto di buco. In tanti, nelle ultime settimane, si sono accorti di questo discutibile 'spettacolo' attraversando a piedi o in bicicletta il Ponte Storto di via Roma e il Ponte Rosso di via IV Novembre a Fano.

Ad altezza Passeggi, lungo le ringhiere che separano i percorsi ciclopedonali dal Canale Albani, mancano infatti i classici fiori che solitamente, in questa stagione, abbelliscono il paesaggio e addolciscono le passeggiate dei fanesi.

I buchi nella terra parlano chiaro: qualcuno, ben attrezzato, li ha portati via. Magari per ripiantarli nel proprio giardino, come se fossero cosa propria. Così non è, ovviamente, e alla fine anche l'assessora al decoro urbano Barbara Brunori ha voluto dire la sua. "Il gesto di chi coglie un fiore per donarlo alla donna che ama – ha detto - è poesia per la letteratura romantica. Il gesto giornaliero di estirpare piante dalle fioriere di spazi pubblici è un furto vero e proprio. È un brutto gesto fatto da persone senza alcun scrupolo morale e irrispettose del bene pubblico. Rivolgo un appello: quando si viene colti dalla smania di rubare bellezza alla città si sostituisca la zappetta con un annaffiatoio, e si scoprirà nel valore della cura una potente gratificazione. Provare per credere”.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo




Questo è un articolo pubblicato il 29-05-2023 alle 13:11 sul giornale del 30 maggio 2023 - 998 letture






qrcode