SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
articolo

Casa, cibo, vestiti e lavoro: arriva 'Reti Solidali', un nuovo progetto per aiutare chi ne ha più bisogno (e contro gli sprechi)

1' di lettura
336

Sostenere famiglie e persone in situazioni di fragilità economica e disagio sociale che vivono nel territorio dell’Ambito Territoriale Sociale 6, offrendo loro un sostegno dal punto di vista alimentare e abitativo. È questo l’obiettivo del progetto ‘Reti Solidali’ messo in campo dalla Fondazione Caritas Fano insieme all’ATS 6, la cooperativa sociale Contatto e la Fondazione Banco Alimentare.

Il progetto - reso possibile attraverso il bando ‘Volontariato, filantropia e beneficenza’ - prevede l’implementazione di un circuito di recupero delle eccedenze alimentari, la preparazione e la distribuzione di pasti nel comune di Fano e dell’entroterra, l’apertura di nuovi punti di recupero di beni tessili (sempre nell’hinterland) e l’attuazione di misure di contrasto al disagio abitativo mediante la promozione dell’inserimento socio-lavorativo e housing sociale.

Valorizzare le buone prassi e prendersi cura della persona pensandola nella sua globalità. Sono alcuni punti cardine di questa iniziativa, che mira a favorire la gestione delle eccedenze per sostenere le famiglie in difficoltà. E facendo di tale circuito solidale un modello da seguire, fondato su azioni a tutela della dignità della persona, ma anche contro gli sprechi.

“Ringrazio la Fondazione Carifano per aver riconosciuto il valore del progetto – ha sottolineato il presidente del Comitato dei sindaci Dimitri Tinti -, che conferma il senso concreto del welfare di comunità, ovvero creare risorse e opportunità per rispondere ai bisogni del contesto locale, soprattutto in un periodo in cui ogni giorno di più si avverte l’esigenza di tali interventi”.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo


Questo è un articolo pubblicato il 14-03-2023 alle 19:42 sul giornale del 15 marzo 2023 - 336 letture






qrcode