SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Con un incontro sulla transizione ecologica riparte l’attività dell’Associazione culturale “27 Agosto”

2' di lettura
120

Riparte da una sala ipogea della Mediateca Montanari gremita l’attività dell’associazione culturale “27 Agosto” di Fano, rinnovata negli organismi a fine 2022, per l’incontro dedicato alla transizione ecologica di giovedì 2 febbraio.

L’incontro, patrocinato sia dall’Amministrazione comunale di Fano, sia dall’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e iniziato con il saluto del Sindaco Massimo Seri, ha visto gli interventi di due docenti del cantiere “Uniurb Sostenibile”: la prof.ssa Elena Viganò e il prof. Giovanni Marin del Dipartimento di Economia, Società, Politica.

Quello della transizione ecologica ‐ è stato affermato ‐ è un tema ineludibile, e il fattore tempo è cruciale: non c'è più tempo per iniziare, anche se l'umanità è consapevole da molti decenni dei disastri ambientali in arrivo. La transizione richiede cambiamenti radicali del nostro modo di produrre, consumare, comportarsi, tassare; per arrivare a questo, vi sono due possibili approcci: riaggiustare i prezzi per far sì che riflettano il danno ambientale dei prodotti inquinanti, e obbligare/vietare comportamenti virtuosi/dannosi. Cambiamenti radicali comportano inevitabilmente molti 'perdenti' dalla transizione, in particolare nelle fasce più vulnerabili della popolazione: servono quindi meccanismi di compensazione.

Sono poi intervenuti, nella seconda parte dell’incontro, con riflessioni e domande ai docenti, il Vice Sindaco e Assessore all’Urbanistica Cristian Fanesi (presente insieme all’Assessore all’Ambiente Cora Fattori), il Presidente provinciale CGIL Roberto Rossini, l’ex dirigente ARPAM Luciano Benini, Claudio Orazi dell’associazione ambientalista “La Lupus in Fabula” e il Presidente FedagriPesca Marche e Consorzio Biologiche Marche Francesco Torriani.

Si è parlato di pianificazione del territorio, della sfida di affrontare le urgenze ambientali, non più rinviabili, senza lasciare indietro nessuno, in particolare i soggetti deboli della società, di politiche virtuose che non mirano unicamente al consenso immediato, ma che sanno operare, all’occorrenza, scelte inizialmente impopolari, di salvaguardia dei beni ambientali e della assoluta necessità, per le aziende, di “fare sistema”.

In tema di fonti di energia alternative, un imprenditore locale ha portato l’esempio di un edificio scolastico a Carpi, primo in Europa a essere dotato di un impianto di riscaldamento a idrogeno, progettato a Fano. Presenti tra il pubblico, diversi consiglieri comunali fanesi, rappresentanti delle organizzazioni sindacali, delle associazioni di categoria, delle associazioni del nostro territorio che si occupano dell’ambiente e della sua salvaguardia, oltre a rappresentanti delle imprese, sempre del nostro territorio, che si trovano quotidianamente di fronte a questi temi nello svolgimento della loro attività.

Il successo dell’iniziativa spinge l’associazione “27 Agosto” a proseguire nell’organizzazione di occasioni di incontro e riflessione su questo e altri temi importanti per la nostra città e il nostro territorio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2023 alle 09:57 sul giornale del 06 febbraio 2023 - 120 letture






qrcode