x

"Infinito. L’universo di Luigi Ghirri", giovedì in replica al Cinema Masetti dopo il successo dell'anteprima regionale

3' di lettura Fano 29/11/2022 - Al Cinema Masetti di Fano (in via Don Giovanni Bosco, 12), a grande richiesta si ripeterà la proiezione del bellissimo documentario “Infinito. L’universo di Luigi Ghirri”, dopo il grande successo della visione in anteprima regionale di qualche settimana fa, sempre al Masetti, sempre in collaborazione con l’associazione culturale “Centrale Fotografia” di Fano.

Giovedì 1° dicembre 2022 alle 21.15 si terrà la visione di “Infinito. L’universo di Luigi Ghirri”, un’opera diretta dal regista bolognese Matteo Parisini, il quale è riuscito a raccontare in prima persona l’uomo e l’artista, con gli scritti personali che sono narrati dalla voce fuori campo di Stefano Accorsi: immagini e vicende umane che s’intrecciano, la gioventù, il suo lavoro poco amato di geometra, la passione per l’arte e la fotografia, la decisione di fare il creativo di professione, l’amore per i libri e Bob Dylan, con il ricordo di alcuni personaggi e amici che lo hanno frequentato ed hanno collaborato come i pittori Franco Guerzoni e Davide Benati, il fotografo Franco Leone, gli storici della fotografia e dell'arte Paolo Barbaro e Arturo Carlo Quintavalle, il musicista Massimo Zamboni, tra i familiari, la sorella Roberta, la cognata Elena Borgonzoni, le figlie Ilaria e Adele. Interverranno a Fano con un contributo video prima del film, il regista Matteo Parisini e Adele Ghirri figlia dell’artista; mentre “Centrale Fotografia” nell’antisala del cinema dalle ore 20.30, dedicherà un evento di approfondimento sulla figura di Luigi Ghirri, il suo operato nella provincia di Pesaro e Urbino, e verrà presentato il prossimo progetto didattico “Fano. Una città tra realtà e messa in scena / arte, cinema e fotografia”; un corso/laboratorio di fotografia organizzato dall’associazione culturale “Centrale Fotografia” in collaborazione con il Cinema Masetti e il Don Orione di Fano, con la cura e ideazione di Marcello Sparaventi, con la collaborazione di Luca Caprara e Paolo Giommi.

“Infinito. L’universo di Luigi Ghirri” è stato presentato con successo ad ottobre alla Festa del Cinema di Roma, e sta ottenendo una grande riscontro in tutte le sale italiane; il pubblico sta dimostrando un grande interesse a riguardo della leggendaria vicenda artistica di Luigi Ghirri nella fotografia italiana, a trent’anni dalla sua scomparsa. Un fotografo straordinario oggi riconosciuto a livello internazionale, per aver interpretato poeticamente i dettagli, le architetture, i paesaggi umani e antropici della provincia italiana negli anni settanta e ottanta del secolo scorso, con un approccio autoriale e concettuale. Una vita breve, ma intensa quella di Luigi Ghirri, dedicata interamente al senso della visione: nasce a Scandiano in provincia di Reggio Emilia nel Gennaio del 1943 e morirà improvvisamente nel 1992 a Roncocesi, a 49 anni, probabilmente per un infarto. Ha lasciato una produzione d’immagini molto significativa (oltre 150.000) ordinati in decine di serie e progetti destinati a non concludersi mai, opere volutamente incomplete dove le immagini erano a volte interscambiabili. Ghirri era particolarmente attento allo studio delle forme semplici che si trovano nella realtà, la quale analizzava allo scopo di ottenere con il punto di vista e l’inquadratura, un minimalismo puro ed una riflessione intimista ed equilibrata, densa di colori delicati e toni evanescenti.

Nelle Marche un evento importante l’omaggio al grande Luigi Ghirri, che testimonia come la cultura della fotografia sia sempre più radicata a Fano, la città dove da quindici anni si svolge “Centrale Festival” nella splendida Rocca Malatestiana: una manifestazione in continua crescita, dedicata alle artiste e artisti under trenta, è considerata una delle più innovative e seguite del centro Italia, fortemente caratterizzata dalla direzione artistica del critico Luca Panaro, docente di fotografia contemporanea all’Accademia di Brera a Milano, storia della fotografia all’Accademia di Bologna e all’Isia di Urbino. Per informazioni: masetticinema.it / centralefotografia.com

Per informazioni: masetticinema.it / centralefotografia.com








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2022 alle 18:56 sul giornale del 30 novembre 2022 - 148 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, associazione Centrale Fotografia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dFEf





logoEV
logoEV
qrcode