x

Pozzi inquinati in località Falcineto Basso e Torno, M5S: "Tre settimane per emanare l’ordinanza"

2' di lettura Fano 04/11/2022 - Ci risiamo: ancora inquinamento da Tetracloroetilene. Ieri è stata emanata l’Ordinanza Sindacale N° 49 avente per oggetto: DIVIETO di utilizzo al consumo umano dell’acqua erogata dai Pozzi privati, siano essi censiti ad uso irriguo o domestico, esistenti indicativamente in “Località Falcineto Basso” e “Località Torno” in Fano.

Nella stessa ordinanza si legge che “gli esiti analitici evidenziano verosimilmente un andamento della contaminazione da ovest verso est lungo la strada comunale Croce Levata e la strada comunale Falcineto Basso entrambe a nord e parallele alla superstrada.” Già lo scorso 12 ottobre, l’ASUR evidenziava quanto segue al Comune di Fano: “considerato che da ulteriori studi analitici eseguiti da ASET e da quanto emerso nel tavolo tecnico odierno, si nota il permanere dell’inquinamento in questione della zona; si ritiene necessario estendere tale provvedimento amministrativo, di divieto di consumo umano dell’acqua proveniente da tutti i pozzi privati della zona in cui venga rilevato un valore di tricloroetilene+tetracloroetilene superiore al limite di cui al D.Lgs. 31/2001 (10 microgr./l)”.

Ci chiediamo come mai si sia verificato questo ritardo di ben tre settimane nell’emanare l’ordinanza. Inoltre non ci tranquillizza affatto l’avverbio “indicativamente” riferito alla possibile zona di inquinamento: questo fa pensare che la zona inquinata potrebbe essere più ampia, così come già detto in precedenza dai tecnici ASET e dallo stesso Presidente Reginelli a Luglio scorso quando si era verificato un altro episodio analogo. All’epoca ASET aveva fatto un centinaio di prelievi su altrettanti pozzi, e di questi la metà era risultata contaminata, anche se la quasi totalità risultava sotto la soglia minima di contaminazione consentita dalla Legge. Pertanto chiediamo all’Amministrazione Comunale e all’ASET di attivare tutte le procedure previste, in collaborazione con Arpam e se necessario anche con le forze dell’ordine, per accertare la fonte primaria dell’inquinamento e per risolvere nel più breve tempo possibile la situazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-11-2022 alle 17:56 sul giornale del 05 novembre 2022 - 206 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dAzo





logoEV
logoEV
qrcode