x

Insulti razzisti contro una calciatrice di 15 anni, interviene anche la Lega Pro: “Vergogna, le discriminazioni sono sempre in agguato”

1' di lettura Fano 02/11/2022 - “Il razzismo è un virus che muta facilmente, che invece di sparire si nasconde ed è sempre in agguato”. Ha commentato così il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli gli insulti pronunciati da un genitore sugli spalti, domenica a Fano, durante una partita di calcio femminile under 17, contro una giocatrice avversaria di appena 15 anni, di origini nigeriane ma italianissima.

Dopo la dura reazione dell’Ancona Respect – la società in cui milita la ragazza – e dell’Alma Juventus Fano, anche Ghirelli è intervenuto su quanto accaduto. “Le espressioni di razzismo – ha detto - rinnovano in noi la vergogna, dimostrando che i progressi della società non sono assicurati una volta per sempre. La Lega Pro vuole esprimere la sua ferma condanna a quanto è successo alcuni giorni fa, dicendo fermamente NO al razzismo e a tutte le forme di discriminazione. Aspettiamo la giovane calciatrice sul campo e sugli spalti dello stadio di Ancona, pronti a premiarla in nome del calcio vero, fatto solo di gioia, amicizia e rispetto”.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 02-11-2022 alle 22:35 sul giornale del 03 novembre 2022 - 146 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, sport, ancona, razzismo, calcio femminile, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dzWl





logoEV
logoEV
qrcode