x

Caro-bollette, piscine in affanno. Ruggeri: "Gestori in crisi, servono aiuti"

2' di lettura Fano 19/10/2022 - Ruggeri sollecita azioni urgenti della Regione: contributi per le bollette e per ridurre i consumi. «I rincari del metano stanno moltiplicando i costi di impianti sportivi energivori come le piscine pubbliche, indispensabile un intervento della Regione a favore di società e associazioni che li gestiscono».

Servono contributi importanti, alcune altre Regioni come il Piemonte li hanno già stanziati, e incentivi per migliorare la prestazione energetica degli impianti pubblici, così da risparmiare sulle spese per le bollette.

Marta Ruggeri, la capogruppo dei 5 Stelle in consiglio regionale, solleva un altro dei tanti problemi provocati dalla crisi energetica, che sta mettendo a rischio anche questi impianti fondamentali per la salute, per l’attività sportiva e per la socialità. I gestori delle piscine pubbliche sono ormai di fronte a un bivio, ce li ha messi l’incremento enorme degli importi da pagare per il riscaldamento degli ambienti e dell’acqua nelle vasche. Esiste quindi il forte rischio che le strutture siano chiuse oppure che le tariffe siano aumentate.

Il quadro è preoccupante. Tanto i gestori delle piscine quanto i frequentatori e le loro famiglie devono fare i conti con un quadro di ulteriori difficoltà e disagi, dopo la lunga stagione delle restrizioni legate al Covid. Che cosa fare, dunque? «Ho predisposto una mozione – spiega Ruggeri – che sarà discussa in aula già martedì prossimo, le sono state quindi riconosciute le caratteristiche dell’urgenza. Se la mia proposta fosse approvata dal consiglio regionale, la giunta sarebbe impegnata a predisporre con urgenza un bando pubblico per assegnare contributi ai gestori di piscine comunali, purché gli impianti siano proprietà di enti pubblici, a parziale ristoro delle maggiori spese sostenute per l’approvvigionamento energetico-termico. Le risorse necessarie sono da individuare nelle spese correnti».

L’altro aspetto qualificante della proposta riguarda infine il miglioramento delle prestazioni energetiche. «Sono da individuare nel capitolo degli investimenti – conclude Ruggeri – le risorse per co-finanziare interventi di manutenzione straordinaria e ristrutturazione degli edifici pubblici che ospitano le piscine. Si tratterebbe di installare pannelli solari e fotovoltaici sui tetti, applicare cappotti di isolamento termico e sostituire le coibentazioni in amianto, ovunque siano presenti. Il ricorso a fonti energetiche rinnovabili, senza emissione di gas che contribuiscano ad alterare il clima, sarebbe un ulteriore buon risultato».


da Marta Ruggeri
Consigliere regionale M5S







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2022 alle 13:00 sul giornale del 20 ottobre 2022 - 80 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, piscine, consigliere regionale, Movimento 5 Stelle, M5S, marta ruggeri, comunicato stampa, caro-energia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dwZW





logoEV
logoEV
qrcode