x

Alluvione, Biancani e Vitri: "La Regione contraria a sbloccare risorse per aiutare famiglie e imprese"

alluvione 3' di lettura Fano 12/10/2022 - «La Regione è contraria a sbloccare risorse per aiutare famiglie e imprese, senza contributi immediati a fondo perduto, in pochi potranno permettersi di anticipare le spese». E' quanto sostengono il Vicepresidente del Consiglio regionale, Andrea Biancani, e la consigliera Micaela Vitri, dopo la bocciatura in Aula, da parte di tutta la maggioranza, della mozione a firma del Gruppo Pd, di cui erano primi firmatari.

«Abbiamo chiesto alla Regione – spiegano – di assegnare subito aiuti in denaro per le attività e per i residenti colpiti dall'alluvione del 15 settembre. Il sostegno al credito, la sola misura finora prevista dalla Giunta regionale, non basta, serve liquidità immediata, altrimenti il tessuto economico e sociale si sbriciola. Ad un mese dalla tragedia, si sta di fatto chiedendo a cittadini e ad imprenditori di anticipare le spese, quando dovrebbe essere l'ente più vicino, la Regione, a garantire le risorse per ripartire subito, per poi farsi ristorare dallo Stato.

Gli amministratori locali dei Comuni colpiti chiedono procedure snelle, rapidità nel conteggio dei danni e velocità nella liquidazione dei contributi, ma il loro appello non è stato finora ascoltato.Dal bilancio regionale, stornando le spese meno urgenti, si sarebbe già potuto creare un fondo straordinario, un anticipo che la Regione avrebbe potuto dare in attesa delle risorse statali».

«Lo abbiamo sostenuto fin da subito – insistono i due consiglieri - Serve liquidità per dare respiro, non basta promuovere ulteriori debiti in attesa dei contributi dello Stato, soprattutto nel contesto attuale, segnato da crisi energetica, inflazione e con un Governo ancora da insediare.

In queste zone, a fianco di poche grandi imprese solide e con fatturati importanti, ci sono tante attività con margini di guadagno molto bassi, per le quali, seppure importante, il credito agevolato non è sufficiente.

La Regione deve fare la sua parte subito, dando contributi a fondo perduto e riconoscendo tra i danni subiti anche i beni durevoli altrettanto necessari per il ritorno alla normalità delle famiglie, esclusi dai primi indennizzi statali, come ad esempio gli autoveicoli, fondamentali per potersi spostare, per andare al lavoro e raggiungere i servizi . Le risorse attualmente previste, i 5mila euro per le famiglie e i 20mila euro per le imprese, lo ricordiamo, sono fondi stanziati dallo Stato per affrontare l'emergenza, non sono risorse regionali».

Nella mozione veniva chiesto alla Regione di "attivare tutti i possibili strumenti finanziari e i percorsi amministrativi per concedere sostegni immediati a fondo perduto a favore delle famiglie e delle imprese", di "garantire ai Comuni un supporto tecnico e amministrativo", di svolgere "una rapida valutazione dei danni effettivi per quantificare velocemente le ulteriori risorse necessarie", includendo anche i beni durevoli, come ad esempio le auto.

«Purtroppo già due settimane fa è stata persa l'occasione dell'assestamento di bilancio, quando avevamo individuato i capitoli da dove poter attingere per attivare un fondo straordinario, e ieri è successo di nuovo nel corso della seduta monotematica sull'alluvione.

Inoltre dispiace che anche alcuni consiglieri regionali di maggioranza del territorio abbiano votato contro questa proposta, mentre noi abbiamo sostenuto la richiesta di sospendere il contributo di bonifica del Consorzio di bonifica nei territori colpiti, nonostante non l'avessimo presentata noi».

«Cittadini e imprenditori - concludono Biancani e Vitri - stanno reagendo con dignità e coraggio, sostenuti dalla solidarietà di tantissime persone. Ma se a questo attaccamento al territorio, a questa voglia di ripartire non corrisponderanno atti concreti in tempi rapidi, sarà impossibile far sopravvivere queste zone ed evitarne un ulteriore spopolamento».


da Andrea Biancani
Vicepresidente Consiglio Regionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2022 alle 15:53 sul giornale del 13 ottobre 2022 - 34 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, andrea biancani, consiglio regionale, vice presidente, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dvw5





logoEV
logoEV
qrcode