Infortuni sul lavoro in aumento: a Cartoceto la Giornata ANMIL per sensibilizzare alla prevenzione

5' di lettura Fano 07/10/2022 - Anno nero per gli infortuni sul lavoro in Provincia di Pesaro e Urbino. Il dato più drammatico rilevato dall’ANMIL su dati INAIL riguarda quelli mortali: 8 nel periodo gennaio-agosto di quest’anno rispetto ai 2 dello stesso periodo del 2021. Ma è pesante come un macigno anche il quadro degli infortuni sul lavoro non letali, le cui denunce sono cresciute del 16,3% passando dalle 2.515 del periodo gennaio-agosto 2021 alle 2.925 dello stesso periodo del 2022.

Ancora peggiore il dato regionale che, nelle Marche, nel rapporto con l’anno scorso, ha visto un aumento del 25% nelle denunce di infortunio. In lieve diminuzione (- 4,1%), invece, le malattie professionali, le cui denunce quest’anno (gennaio-agosto) sono state 1.168, 50 in meno rispetto al medesimo periodo del 2021. È la cornice entro cui si celebra, il prossimo 9 ottobre a Cartoceto, la 72^ Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro, promossa dall’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi del Lavoro (ANMIL) e organizzata contestualmente in ogni provincia italiana con l’obiettivo di sensibilizzare il territorio su un argomento fondamentale per la società, l’economia e il mondo del lavoro.

La Giornata ANMIL, promossa sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica e il patrocinio della Rai, vede il sostegno e il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Cartoceto e della BCC di Fano, e il patrocinio della Provincia di Pesaro e Urbino e INAIL, direzione territoriale di Pesaro e Urbino. «Nonostante la grave recrudescenza del fenomeno infortunistico documentata da questi dati così drammatici, la sicurezza nei luoghi di lavoro non riceve ancora la giusta considerazione – osserva il Presidente ANMIL Pesaro e Urbino Francesco Mazzacchera -. Dovrebbe invece essere la priorità e la manifestazione del 9 ottobre, quest’anno ospitata a Cartoceto, è un’occasione importante per sensibilizzare sul tema le forze politiche appena elette a governare il Paese, stimolando riflessioni e assunzioni di un impegno per il futuro, al fine di attuare un programma di governo che tenga conto delle proposte concrete per arginare morti e infortuni sul lavoro e malattie professionali».

La stessa ANMIL a livello nazionale lavora quotidianamente con le Istituzioni centrali e con le sedi locali per tenere sempre alta la guardia attorno al fenomeno infortunistico: «Le conseguenze della difficile situazione internazionale si riflettono in modo pesante sul lavoro e sul quadro socio-economico – rimarca Fausto Luzi, componente del Comitato Esecutivo nazionale dell’Associazione con delega al patrimonio e vice-presidente territoriale Pesaro e Urbino – e tutti, istituzioni, parti sociali, lavoratori, dobbiamo vigilare affinché la sicurezza non sia mai elemento sacrificabile, anche in caso di crisi. Ecco perché, fra le tante iniziative, ANMIL sta proseguendo sul territorio con la Scuola della testimonianza. La formazione resta elemento imprescindibile per abbattere la piaga degli infortuni. Alle forze politiche appena elette rinnovo l’invito a porre al centro delle strategie di governo la tutela delle vittime del lavoro e la salute e l’incolumità dei lavoratori».

Da qualche anno a questa parte la Giornata provinciale ANMIL ha carattere itinerante e quest’anno, per la prima volta, si celebra nel Comune di Cartoceto con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. «Se per un verso – osserva il Sindaco di Cartoceto Enrico Rossi - le istituzioni devono dettare standard di sicurezza adeguati e assicurarne attuazione nei diversi ambiti di lavoro attraverso norme chiare, di contro occorre agire affinché gli imprenditori non rimangano imbrigliati nei tanti adempimenti burocratici, troppo spesso garanti di una sicurezza solo di facciata, ma che invece di fatto rallentano lo sviluppo economico e lavorativo dell’azienda. La conoscenza dei rischi e la loro prevenzione sono sempre più al centro della formazione continua delle aziende e dei luoghi di lavoro e spesso parte, esempio ne è la più che giustificata attenzione verso i Near Miss, proprio da chi ogni giorno, imprenditore e dipendente, abita l’azienda. Dalla loro collaborazione fruttuosa si sviluppano le basi solide delle realtà aziendali capaci di rispondere alle attuali complesse e diversificate articolazioni del lavoro. Per il nostro territorio è un onore che ANMIL Pesaro e Urbino abbia scelto il comune di Cartoceto per organizzare la Giornata provinciale per le Vittime degli incidenti sul lavoro. È la stessa complessità produttiva del nostro territorio, articolato com’è fra agglomerati industriali e artigianali, una florida produzione agricola di qualità e numerose imprese nel settore alberghiero a rendere importante il tema della prevenzione del rischio e della sicurezza e la presenza delle istituzioni locali al fianco di ANMIL, è sicuramente uno stimolo in più per promuovere azioni ancora più incisive».

«I dati sugli infortuni sul lavoro, anche nel nostro territorio, ci restituiscono un quadro difficile che richiama con forza la necessità di insistere e accelerare su temi come prevenzione, formazione e sicurezza – dichiara il Presidente BCC Fano Romualdo Rondina -. Bene fa ANMIL Pesaro e Urbino, con anche la sua sede di Fano, a proseguire con costanza nel percorso di sensibilizzazione. Da ormai qualche tempo BCC Fano ha sposato il messaggio promosso dall’associazione, proprio perché è fondamentale gridarlo in un territorio storicamente operoso, con migliaia di piccole e medie imprese che costituiscono la solida ossatura economico-finanziaria e sociale del Paese: ogni infortunio, anche il meno grave, rappresenta sempre una sconfitta sociale. In virtù dei valori cooperativi ed etici che contraddistinguono BCC Fano siamo sempre pronti a intervenire, anche con adeguati strumenti finanziari agevolati, a supportare le aziende per adeguamenti e ristrutturazioni di capannoni, linee di produzione, luoghi di lavoro volti ad aumentare i livelli di prevenzione e sicurezza». Il programma della 72^ Giornata Intenso il programma della 72^ Giornata che si apre alle 8,30 presso la Chiesa di Santa Maria del Soccorso in via Santa Maria del Soccorso, 6. Alle 9,30 corteo accompagnato dal Corpo Bandistico di Cartoceto, dai Gonfaloni delle Pubbliche Amministrazioni e dalle bandiere associative fino al Monumento dedicato ai Caduti (Intersezione Via Pieve e Strada Provinciale, 26) per la deposizione di una corona di alloro. A seguire, alle 10, la cerimonia civile nel Teatro del Trionfo (Piazza Guglielmo Marconi, 2) con la partecipazione del Presidente territoriale ANMIL Francesco Mazzacchera e delle massime autorità e personalità politiche, civili e militari del territorio.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2022 alle 10:31 sul giornale del 08 ottobre 2022 - 82 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/duoS





logoEV