Alluvione, il Pd: “Acquaroli e Aguzzi distratti dalla campagna elettorale. C’è anche la Protezione civile tra i servizi lasciati allo sbando”

Pd 3' di lettura Fano 22/09/2022 - “Le odierne dichiarazioni dell’assessore Aguzzi non rappresentano una giustificazione, semmai una sconcertante ammissione di colpa rispetto al comportamento tenuto da lui e dal presidente Acquaroli nelle ore che hanno visto interi territori venir travolti dall’acqua e dal fango.

E ancora peggio fa proprio il presidente, che adesso tenta di scaricare le responsabilità sugli stessi tecnici che dipendono da lui. Ovviamente sarà la magistratura ad accertare eventuali rilievi di natura penale, ma pesa come un macigno la leggerezza con cui le due massime autorità di Protezione civile, impegnate in quei drammatici momenti in iniziative di campagna elettorale, hanno gestito la fase di emergenza a seguito dell’esondazione di alcuni fiumi nelle province di Ancona e Pesaro Urbino”.

Così il gruppo assembleare del Partito Democratico replica all’assessore regionale alla Protezione civile Stefano Aguzzi, il quale ha dichiarato di aver appreso in ritardo i disastrosi effetti dell’esondazione dei fiumi Misa e Nevola nella zona del senigalliese.

“Da oltre un mese - spiegano i dem - denunciamo costantemente, ma inascoltati, l’incoscienza del presidente Acquaroli, il quale ha permesso e favorito che ben quattro assessori su sei si candidassero al Parlamento, evitando di procedere alla loro sostituzione. Una decisione sciagurata, che di fatto ha decapitato la guida politica di numerosi servizi, lasciandoli allo sbando. Tra questi, purtroppo, anche la Protezione civile. Tra l’altro, che Aguzzi fosse molto più concentrato sulla sua campagna elettorale piuttosto che su quanto stava avvenendo a Senigallia e nei comuni delle aree interne, lo dimostra anche il fatto che egli, nonostante il Misa sia da sempre un sorvegliato speciale in condizioni di estremo maltempo, non abbia neppure considerato l’idea di interrompere il dibattito elettorale a cui stava partecipando (peraltro proprio a Senigallia) per recarsi immediatamente nella sala operativa di Ancona, dove è giunto, secondo le sue stesse dichiarazioni, addirittura dopo le ore 24, a disastro praticamente compiuto”.

“Non vogliamo in alcun modo speculare su quanto accaduto - conclude il gruppo Pd - e lungi da noi l’idea di attribuire ad Acquaroli e Aguzzi la responsabilità della dolorosa perdita di vite umane e degli ingenti danni ad abitazioni e imprese. Quel compito, come detto, spetta alla magistratura. Non possiamo tuttavia tacere di fronte all’ennesima prova di irresponsabilità della giunta regionale, né davanti alla sua inefficienza, testimoniata dalla confusione che regna ancora oggi nei territori alluvionati. L’invito che rivolgiamo al presidente e all’assessore è quello di riflettere molto bene su quanto accaduto e di trarne le debite conclusioni. Inoltre, ci aspettiamo un atto di buon senso da parte dell’intera maggioranza, a partire già dal prossimo consiglio regionale: preso atto della scarsa lucidità che alberga in giunta, il centrodestra si impegni a far approvare il nostro maxi-emendamento alla legge sull’assestamento di bilancio che permetterà di stanziare oltre 8 milioni di euro, stornandoli dalla spesa corrente della famigerata tabella E, per costituire un fondo di emergenza a sostegno immediato delle impellenti necessità delle famiglie e delle attività economiche colpite dall’alluvione”.


da Gruppo assembleare del Partito Democratico
Assemblea Legislativa delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2022 alle 16:55 sul giornale del 23 settembre 2022 - 678 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, politica, pd, assemblea legislativa marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/drqV





logoEV
logoEV