x

Pochi volontari, tanti malori e troppe spese: salvataggi in mare, volge al termine un'estate impegnativa. Maredentro pungola gli enti pubblici: "Serve più disponibilità"

2' di lettura Fano 14/09/2022 - Decine di interventi salvavita lungo tutto il litorale fanese; un coordinamento costante tra i vari tratti di spiaggia libera per assicurare prevenzione, vigilanza a mare e sicurezza di bagnanti e turisti. Ma anche campagne di sensibilizzazione nei confronti di bambini, famiglie e bagnanti. Con lo scorso weekend del 10 e 11 settembre si è concluso per il 2022 l’importante servizio che l’associazione ODV Maredentro ets-asd – in collaborazione con altre associazioni di volontariato - ha dato nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro” promossa ad ogni inizio estate dalla Guardia Costiera.

“Si è chiusa una stagione estiva molto impegnativa – spiega Enzo Maggi, presidente di Maredentro e bagnino soccorritore e formatore – perché, rispetto agli anni precedenti, è stato molto difficile reperire personale opportunamente formato e, a complicare la situazione, si è registrato un anomalo incremento di malori dentro e fuori dall’acqua. Come associazione, da più di un decennio, collaboriamo attivamente da giugno a settembre al servizio di salvataggio lungo le spiagge libere e in concessione, un’operazione che si è rivelata fondamentale per garantire il più possibile la sicurezza delle persone e per mantenere l’immagine di Fano città sicura dal punto di vista della sicurezza in mare. Ringrazio tutte/i i Volontari che hanno contribuito allo svolgimento del servizio”.

Il servizio è riconosciuto dalla Protezione Civile Regionale la quale, fino a qualche tempo fa, provvedeva alla copertura delle spese vive di gestione (benzina, rimborsi spese ecc.). «Una copertura che purtroppo, nonostante l’importanza del servizio, non è stata più rinnovata – evidenzia con rammarico Maggi – e che ha costretto l’associazione a reperire fondi presso le istituzioni pubbliche e private locali. Tra i vari soggetti si è distinta per sensibilità e generosità la BCC di Fano che, riconoscendo la validità e utilità del servizio, ha erogato un importante contributo che ha permesso di coprire le spese vive di fine stagione e di avvio della prossima. Anche questo significa investire sul territorio, perché la sicurezza, in ogni ambito, è condizione necessaria per lo sviluppo e il benessere della comunità. Auspico che per il 2023 si registri maggior disponibilità anche da parte degli enti pubblici e soprattutto che il servizio venga ulteriormente strutturato».

L’associazione Maredentro, oltre all’attività di Protezione Civile, porta avanti corsi – anche per aziende - legati al primo soccorso; corsi per bagnini di salvataggio, primo soccorso e corsi ricreativi fra i quali: subacquei e SUP.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano





Questo è un articolo pubblicato il 14-09-2022 alle 22:27 sul giornale del 15 settembre 2022 - 714 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, articolo, salvataggi in mare, maredentro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dpQg





logoEV
logoEV
qrcode