Fano marinara: un tour alla scoperta del mare e della pesca locale

7' di lettura Fano 06/08/2022 - Fano, città marinara da generazioni, arricchisce la propria offerta turistica di un nuovo percorso alla scoperta delle meraviglie del mare e del mondo della pesca tradizionale. Un tour per conoscere da vicino l'attività dei pescatori ancora oggi rappresentativa di una tradizione millenaria e di un insieme di valori economici e culturali, che si sono mantenuti nel tempo. Il nuovo tour, promosso dal Comune di Fano su impulso del Piano strategico per il Turismo, prevede l'organizzazione di visite guidate alla scoperta della marineria e del mondo della pesca tipica.

“Vogliamo rinvigorire l’anima di Fano come città legata al mare e alla tradizione marinara - dichiara il Sindaco di Fano, Massimo Seri -. Nella sua aderenza alla pesca e alla vocazione legata al mare, il progetto Fano Marinara rappresenta una strategia chiara per dare forza e una connotazione chiara alla strategia turistica. Qui a Fano abbiamo una cultura che si tramanda di generazione in generazione. Cultura a cui vogliamo attribuire un ruolo e un protagonismo che sappia tenere unito questo mondo così ricco e pieno di valore. Per noi il mare è anche un tratto che contraddistingue il nostro settore economico, tanto che il nostro Porto è un punto di riferimento nel versante Adriatico.
E i pescatori fanesi sono custodi di questa tradizione”.

“Oggi lanciamo il brand che accompagnerà i turisti e i cittadini di Fano nella scoperta e nella riscoperta della 'Fano Marinara’ - dichiara l'Assessore al Turismo Etienn Lucarelli – progetto che rientra in una visione turistica complessiva, a seguito del Piano Strategico del Turismo, con il quale vogliamo valorizzare la millenaria tradizione marinara della città. Diamo inizio a questa operazione di promozione con un percorso in otto tappe segnalate da totem informativi, per far conoscere al turista in modo coinvolgente, attraverso un video racconto e contenuti suggestivi, la storia della marineria e della pesca locale. Proseguiremo con altri progetti innovativi per fare diventare il porto di Fano, luogo simbolo della storia della città, un Museo diffuso a cielo aperto”.

Si viaggia nel cuore della Fano Marinara, si esplora l'essenza nel segno della pesca, accompagnati dalle storie e dai sorrisi dei pescatori attraverso la cultura del mare Adriatico.
Il percorso è segnalato da totem informativi fissati nei punti d'interesse, che riportano una descrizione del contesto e la possibilità per il visitatore di codificare un Qrcode, che rimanda al sito del turismo del Comune di Fano (Visit Fano), che racconta in modo approfondito attraverso video, immagini e interviste esclusive tutto ciò che riguarda ogni tappa.
La pesca è il fil rouge che unisce la visita guidata per scoprire la pesca tradizionale, come avviene e quali sono i luoghi principali di attività, le barche e gli attrezzi, la vita dei pescatori e dei marinai, il pesce e i frutti di mare dell’Adriatico, il mercato ittico per vedere il luogo dove il pescato arriva e viene conservato e venduto.

SCOPRI FANO MARINARA
Un tour alla scoperta del mare e della pesca locale START – Centro di Interpretazione Turistica
Si inizia il viaggio dal Punto Iat | Centro di Interpretazione Turistica (via Nazario Sauro, 135), dal quale si possono trarre le prime informazioni per cominciare il percorso e vivere un'esperienza immersiva di visita.
1 LA PESCA TRADIZIONALE
L’essenza e la storia di Fano sono legate indissolubilmente allo sviluppo della zona portuale. Realizzato nel 1616, il porto di Fano inizia con la Darsena Borghese, il canale più antico e principale collegamento al mare, che deve il suo nome a colui che ne ordinò l’esecuzione: Papa Paolo V Borghese. Accanto al canale sono state realizzate un insieme di strutture per il ricovero dei natanti, chiamate darsene con destinazioni diverse, dalla darsena per le vongolare a quelle per i motopescherecci di maggiori dimensioni, dediti alla pesca con reti a strascico e la darsena per i piccoli motopescherecci dediti alle varie forme di pesca nelle aree antistanti la costa.
Oggi la superficie portuale comprende anche il Faro la capitaneria di Porto, la passeggiata del Lisippo e i Quadri, che sono tra i luoghi più significativi del lungomare. Il porto è incorniciato dalle colorate case dei pescatori, centrali sia per le attività lavorative che per la composizione sociale della città.

2 IL QUARTIERE DEI PESCATORI (COGOLLO, GUGUL)
E' sulle antiche vie del porto che sorge uno dei quartieri più belli della città: El Gugul. Il rione è il luogo simbolo dei pescatori fanesi, nonché la parte più autentica della città. Il cogollo, o gugùl in dialetto fanese, è una rete che veniva impiegata per la pesca delle anguille. Una volta posata sul fondo, la sua forma conica con restringimenti interni consente ai pesci di entrare ma non di uscire. A Fano, il Gugùl è una delle prime concentrazioni di case per gli abitanti del porto e il luogo in cui, ancora oggi, vivono i figli dei pescatori. Il suo nome deriva dal fatto che si tratta di una stradina chiusa al fondo, proprio come il cogollo.

3 LA PESCA NEI QUADRI (IL QUADRO, EL QUADER)
La visita continua sui quadri fanesi, i casotti in legno costruiti lungo i moli già dai primi anni del ‘900. Chiamati “bilance” o “lugèrne” a seconda delle zone, a Fano i “quader” indicano il perimetro quadrato di ferro su cui era fissata la rete da pesca. Le strutture dei quadri, appoggiate su pali piantati in profondità nella sabbia, erano semplici e funzionali, e consentivano di pescare anche quando il mare era troppo mosso per uscire in barca. Ma se un tempo la pesca con i quadri era anche destinata alla vendita, oggi è puramente amatoriale.

4 LA LAVORAZIONE DELLE VONGOLE
La zona portuale di Fano accoglie alcune società che si occupano di lavorare il pescato per prepararlo alla vendita. In particolare, New Copromo, specializzata nelle diverse fasi di lavorazione delle vongole. Qui ogni giorno arrivano le vongole che vengono trasportate poi all’impianto di controllo e vagliate per dimensione e stato. Le specie diverse dalla purassa o venus gallina vengono escluse. In seguito si effettua la divisione e il confezionamento in base alla taglia, fattore che ne determinerà il prezzo.

5 LA PICCOLA PESCA
Nella Darsena ormeggiano le imbarcazioni della capitaneria di porto e quelle di piccole dimensioni che esercitano i diversi mestieri della piccola pesca, dalle nasse per seppie ai cestini per bombolini, ai tremagli di varie forme e maglie utilizzati per la pesca di sogliole e canocchie. Vi sono a volte anche piccoli motopescherecci per la pesca con reti di circuizione per la cattura di pesci pelagici, quali sgombri, palamiti, alletterati.

6 LA PESCA DELLE VONGOLE
Fano è punto di riferimento nella pesca delle vongole, praticata manualmente già 2000 anni fa. Le imbarcazioni per la pesca di questi piccoli molluschi, tra i più popolari e apprezzati tra i frutti di mare bivalvi, si trovano nella darsena vongolare del porto, e pescano solo vongole spontanee.
Esistono rigide regole nazionali ed europee relative sia alle caratteristiche delle imbarcazioni che a quelle del pescato. I pescatori sono riuniti in un Consorzio compartimentale che gestisce l’attività.

7 LA PESCA A STRASCICO
I motopescherecci partono per la pesca a strascico al largo della costa tra Ancona e Rimini e rientrano nella notte per sbarcare il pescato da vendere al mercato ittico all’ingrosso. Durante la pesca, le reti vengono trainate sul fondo e la loro apertura è ottenuta con i due grossi divergenti in ferro visibili sul lato della poppa. Il fine settimana i pescatori riposano e le imbarcazioni vengono ormeggiate nella darsena in attesa del lunedì.

8 L'ASTA DEL PESCE
Dal mare alla tavola, il viaggio del pescato passa sempre attraverso il mercato ittico, dove si svolge la borsa del pesce. L’asta funziona al ribasso: si parte da una base elevata che il banditore va via via abbassando fino a che non viene fatta un’offerta.
L'ideazione del progetto 'Fano Marinara' è a cura di Josep Ejarque (F Tourism&marketing). Il coordinamento e i contenuti del progetto sono di Omnia Comunicazione e di Corrado Piccinetti, biologo marino e di Vittorio D'Errico dell'Associazione 'Il Ridosso'.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2022 alle 10:32 sul giornale del 08 agosto 2022 - 216 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/djJk





logoEV