Carnevalesca, Giammarioli si ricandida: con lei anche Salucci e Barbadoro. Proposta una lista unica allargata per le prossime elezioni: “No a individualismi”

3' di lettura Fano 05/07/2022 - Sembrava di no, e invece sì. Maria Flora Giammarioli si ricandida per rimanere alla guida dell’Ente Carnevalesca, in primis per gli attestati di stima ricevuti dopo aver annunciato il suo iniziale forfait.

Insieme a lei un gruppo composto anche da alcuni volti noti: Saul Salucci (organizzatore di eventi e presidente dell’Orchestra Sinfonica Rossini), Massimiliano Barbadoro (giornalista e presidente dell’associazione Amici Senza Frontiere), Tatiana Tonnini (imprenditrice digitale e turistica), Cristina Fenocchi (dottoressa in giurisprudenza), Sarah Olivieri (insegnante di scuola primaria e referente di progetti educativo didattici) e Raffaella Manna (bibliotecaria e autrice di libri a carattere storico-locale).

Le altre ragioni che hanno spinto la Giammarioli alla ricandidatura sono la verifica e il completamento di risultati ottenuti in questi anni, come l’aver avviato - insieme al Comune - il percorso di riconoscimento dei Carnevali come Bene Immateriale UNESCO, che regalerà alla manifestazione un risalto di livello mondiale. Non da meno l’avvio delle reti con i Carnevali marchigiani, italiani ed esteri, il completamento del progetto ‘Fabbrica del Carnevale’ e il traghettamento dell’Ente verso nuove forme giuridiche, frutto di una maggior consapevolezza economica e in favore di un migliore sviluppo della stessa.

Nelle intenzioni del gruppo, lo sfondo emozionale su cui si organizzeranno gli eventi si baserà su parole-chiave come gioia, spensieratezza e bellezza, per traghettare le persone fuori da un periodo difficile come quello da cui stiamo uscendo. Altro aspetto fondante del gruppo è la sua visione ampia: dall’internazionalizzazione - attraverso la rete dei Carnevali Marchigiani, italiani ed esteri - al valore della maschera come mezzo d’espressione dell’individuo. Sempre al centro i tratti distintivi del Carnevale fanese, ovvero i carri e il getto. Gli sforzi principali si concentreranno proprio su questi ultimi. In particolar modo sui carri, sempre più intesi come grandi sculture artistiche allegoriche, ed è per questo che si intende puntare su un confronto costante con i carristi. L’orgoglio e l’entusiasmo della città per il Carnevale, la formazione nelle scuole e la lavorazione della cartapesta rappresentano altri punti imprescindibili.

La tecnologia sarà la novità che verrà introdotta gradualmente, ma il Carnevale resterà pur sempre l’emblema dell’artigianalità. Uno dei simboli sarà la mano: è lei a costruire i carri, a cucire vestiti e a creare maschere, ed è sempre la mano a gettare i dolciumi. Fondamentale sarà infatti restituire la centralità alla persona. Verrà inoltre sempre riconosciuto il valore storico del Carnevale. Si proseguirà anche nella promozione della maschera ufficiale del Vulòn, il cui marchio è già stato depositato. In programma eventi collaterali durante l’anno, tra cui mostre, pubblicazioni convegni e feste.

Il gruppo ha inoltre teso la mano a tutti coloro che vorranno collaborare. L’ipotesi è quella di una lista unica allargata. Va ricordato, infatti, che già Fabio Bargnesi, Alessandro Leonelli e Stefano Mirisola avevano annunciato la loro candidatura in una lista ad hoc. Il Carnevale di Fano – a detta di Giammarioli & Co. - non ha dei veri competitor, circostanza che dovrebbe consentire di lavorare al meglio e con relativa tranquillità”. No, dunque, a critiche sterili, individualismi e gelosie.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 04-07-2022 alle 22:48 sul giornale del 05 luglio 2022 - 280 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, carnevale di fano, Ente Carnevalesca, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dela





logoEV
logoEV