FdI: "Perché distruggere Carrara?"

Fratelli d'Italia 2' di lettura Fano 09/04/2022 - Fratelli d’Italia Fano chiede maggiore chiarezza al sindaco e alla giunta sul progetto dell’Adriatic link. Da quanto si può leggere nel sito della società si tratta di un elettrodotto della lunghezza di 270 km che servirà a movimentare l’energia elettrica tra Marche ed Abruzzo.

Il tratto che interessa il nostro comune va dai 12 ai 16 chilometri a seconda della variante del progetto scelto. Il 1° aprile l’azienda ha comunicato tramite una riunione via teams i dettagli del progetto e che tutto era stato ampiamente condiviso con le amministrazioni interessate (Fano e Cartoceto). Il problema è che tolti i proclami con sui si loda l’opera come modello di tecnologia ed innovazione, rimangono fumosi i due dettagli principali: dove partirà il collegamento nel comune di Fano e dove sarà posizionata la cabina di conversione (infatti nelle varie fasi di trasporto l’energia deve subire una trasformazione), ovvero l’elemento maggiormente responsabile di inquinamento acustico ed elettromagnetico.

Nel progetto originario di Terna le alternative sono 3, mentre l’azienda ha comunicato che il sito ideale è a Carrara dove c’è già un impianto esistente. I cittadini sono rimasti allibiti quando hanno appreso dai giornali della costruzione, a fianco dell’attuale, di una maxi struttura di ben 6 ettari che andrebbe a rendere insopportabile la situazione per quanto riguarda l’inquinamento da onde elettromagnetiche e il rumore. Disappunto ben emergente anche dalla riunione di ieri sera tenutasi a Carrara. A poco più di un kilometro sorge la nuova scuola di Cuccurano. Gli 8 milioni promessi dal sindaco come fondi per le opere compensative come e dove verranno spesi? Le zone rurali di Falcineto e Carrara sono una delle ricchezze del nostro territorio, abbiamo intere distese di campi e coltivazioni agricole, abbiamo un ecosistema dove la natura regna incontaminata, un’amministrazione all’altezza di Fano deve mettere il benessere e la salute dei residenti prima della convenienza economica di qualche grande gruppo industriale e dei fondi compensativi che possano arrivare.

O è più facile fare altri calcoli? È più semplice dire tanto quella zona non porta voti quindi abbandoniamola a sé stessa?!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2022 alle 13:12 sul giornale del 11 aprile 2022 - 209 letture

In questo articolo si parla di politica, fratelli d'italia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cY3d





logoEV
logoEV
logoEV