SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fano tende la mano a Wieliczka: partito un camion di aiuti umanitari

2' di lettura
259

È partito martedì mattina il camion di aiuti umanitari diretti in Polonia, precisamente a Wieliczka, al confine ucraino; una città che ha ricevuto un importante flusso di profughi a causa del conflitto in atto.

Massimiliano Barbadoro, presidente di “Amici Senza Frontiere”, è il promotore di questa iniziativa grazie ai contatti con il sindaco Artur Kozioł, ed il segretario generale Adam Marek Panuś. “Il bisnonno di Adam era un soldato della divisione Carpazi entrata a Fano il 27 agosto 1944 guidata dal leggendario generale Anders, che ha liberato Fano dall’oppressione nazi-fascista” – racconta Barbadoro. “Per il legame instaurato grazie al gemellaggio delle nostre città, ci siamo sentiti chiamati in causa in questa triste e delicata situazione. Wieliczka non riesce più a far fronte con le proprie risorse al flusso continuo di profughi, soprattutto donne e bambini provenienti dall’Ucraina; un flusso che continua ormai da mesi e non sembra far cenno ad arrestarsi. Le richieste pervenute dalla Polonia sono per cibo a lunga scadenza, farmaci di primo soccorso e beni primari”. L’amministrazione comunale, il sindaco Massimo Seri e l’assessora Barbara Brunori, dato il rapporto stretto che ci lega a questa città hanno subito messo in moto la macchina degli aiuti umanitari, e contattato il CB Club Mattei. I due volontari che si recheranno in Polonia del sono Patrignanelli Luigino e Castratori Mauro, che porteranno un camion di aiuti di primo soccorso.

“Tendere la mano a tutti coloro che hanno bisogno in questo periodo storico così difficile è un nostro dovere, sia come cittadini europei sia come esseri umani – chiosa l’assessora Brunori –. Grazie ai nostri volontari ed a tutto il Club Mattei, abbiamo potuto sostenere l’iniziativa promossa da “Amici Senza Frontiere” ed inviare degli aiuti umanitari, ciò che ci hanno chiesto e di cui hanno più bisogno le donne ed i bambini che fuggono dall’orrore della guerra”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2022 alle 15:39 sul giornale del 06 aprile 2022 - 259 letture