Ritardo lavori parco urbano, interrogazione di In Comune

1' di lettura Fano 29/03/2022 - In data 28 marzo 2022 ho presentato l'ennesima interrogazione per chiedere il perché del ritardo dell'inizio dei lavori al parco urbano Luciano Polverari.

Questa volta è ancor più complesso, quasi incomprensibile, immaginarne i motivi visto che nel gennaio 2022 è stato aggiudicato l'appalto dei lavori alla ditta G&B INFRASTRUTTURE SRL di Nepi (Viterbo)

Al momento una parte dell'area del parco è coperta da grandi cumuli di terra e, vista la mancata informazione, tante e tanti si chiedono cosa stia accadendo, sono perplessi, increduli.

Molto probabilmente perché, come me, ricordano le parole pronunciate il giorno 22 settembre 2019 quando fu inaugurato il primo lotto del primo stralcio del Parco, in quella occasione il sindaco ha indicato come anno di completamento del secondo e terzo lotto il 2020.

Dopo un inspiegabile ritardo, con un comunicato del gennaio 2022 veniva annunciato che a metà marzo sarebbe partito il cantiere e che i lavori sarebbero avanzati speditamente. Purtroppo la realtà è ben diversa, ad oggi nulla è accaduto. Ad oggi non è neppure iniziata la bonifica dei lotti di terreno interessati ai lavori.

Dopo tre anni di ritardo chiediamo con voce determinata e chiara spiegazioni, una richiesta condivisa da tutta la città perché questo è un progetto che unisce.

Ora attendiamo di ricevere risposte e valuteremo le iniziative da intraprendere per dare voce a chi da troppo tempo attende la realizzazione del Parco Urbano.

In allegato PDF l’interrogazione.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2022 alle 15:46 sul giornale del 30 marzo 2022 - 325 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, Carla Luzi, In Comune, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cVQD





logoEV
logoEV