SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Infortuni sul lavoro, una piaga che nella metà dei casi si abbatte sulle donne

3' di lettura
179

Diminuiscono gli infortuni collegati ai contagi di Covid, ci si continua a far male sul lavoro, anche in ambito femminile. A certificarlo i dati Inail elaborati dall’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi del Lavoro (ANMIL) di Pesaro e Urbino che indicano come a gennaio, nelle Marche, siano stati denunciati 1.363 infortuni (- 2,43% rispetto allo stesso periodo del 2021).

Di questi praticamente la metà (677 casi contro i 709 del 2021) ha coinvolto lavoratrici. Stringendo il focus alla provincia di Pesaro e Urbino, nel gennaio 2022 gli incidenti denunciati (ambosessi) sono stati 334 (2 in più rispetto al gennaio 2021), con un’incidenza fra maschi e femmine che rispecchia la casistica regionale. Non è stato invece registrato nessun caso mortale. Diverso il quadro sul versante delle malattie professionali che a gennaio 2022, a livello regionale, mostra un totale di 307 denunce (- 8,3% rispetto al gennaio 2021) fra i settori industria e servizi, agricoltura e conto Stato: in 214 casi hanno riguardato maschi e in 93 femmine. Per quanto riguarda il Covid al femminile, a livello di Provincia di Pesaro e Urbino, gli infortuni sul lavoro denunciati con eziologia Covid – per la maggior parte in ambito sanitario - sono in diminuzione rispetto ai mesi caldi della pandemia. Nel complesso, dal mese di dicembre 2020 al gennaio 2022 per la circoscrizione Inail di Pesaro i casi ammontano a 280, di cui 202 donne, pari al 72% del totale degli eventi. Mentre per la circoscrizione Inail di Fano sono stati registrati 217 casi, di cui 152 donne, pari al 70% del totale.

«I freddi numeri delle statistiche ci consegnano in realtà un quadro difficile, reso ancor più complicato dalla crisi economica e dalle gravissime tensioni internazionali in est Europa – commenta Fausto Luzi, Presidente ANMIL Pesaro e Urbino e componente del Comitato esecutivo dell’associazione a Roma -. Le percentuali in timida diminuzione non devono trarre in inganno, perché purtroppo da diverso tempo stiamo facendo i conti con mancanza di lavoro e crisi. È fondamentale tenere alta l’attenzione sul fenomeno infortunistico, promuovere sempre più investimenti sui versanti della prevenzione, della sicurezza e dei controlli perché la sicurezza sul lavoro deve rimanere obiettivo comune per tutti. In questo contesto l’avvicinarsi della ricorrenza dell’8 marzo è l’occasione per ricordare l’impegno di tantissime lavoratrici che, nei mesi più bui della pandemia e non solo, hanno portato avanti con coraggio e abnegazione il proprio lavoro. A questo proposito ringrazio per la loro sensibilità attorno ai temi che interessano l’Associazione anche le consiglieri provinciali ANMIL Marta Tomassini e Oriana Valentini, donne che hanno vissuto in prima persona il dramma dell’infortunio e sono sempre pronte e disponibili nel dedicare grande attenzione e a sostenere chi, purtroppo, rimane vittima di infortuni o malattie professionali. ANMIL, del resto, ha scelto di essere al fianco in maniera ancor più concreta a tutti i lavoratori: sono stati potenziati i servizi agli associati e ai loro familiari (dal Caf al patronato fino ad agevolazioni per l’assistenza legale) e a Fano, in viale Cairoli 43, è stata da poco aperta al pubblico la nuova sede che offre ad associati e non utili servizi a costi più che accessibili. Tra l’altro è stata appena attivata una convenzione con BCC Fano per offrire ai soci della banca, sia privati che imprese, i qualificati servizi di Caf e patronato».



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2022 alle 09:18 sul giornale del 08 marzo 2022 - 179 letture