SEI IN > VIVERE FANO > CRONACA
articolo

Diciassettenne ubriaca a spasso sui binari, il macchinista lancia l’allarme

1' di lettura
1535

Stava conducendo un treno verso la stazione di Fano. A un certo punto ha visto l’ultima cosa che avrebbe voluto vedere: una persona che stava passeggiando, con fare incerto, a ridosso dei binari. Ed è così che il macchinista ha lanciato l’allarme, nell’accorato tentativo di evitare il peggio.

A spasso, in prossimità delle rotaie, c’era una 17enne della zona palesemente sopraffatta dai fumi dell’alcol. È stata trovata domenica mattina nei pressi della stazione, diretta verso nord. Grazie al macchinista, sul posto si sono subito precipitati gli agenti del commissariato di Fano e gli uomini del 118. La giovane è stata intercettata e tratta in salvo all’altezza del ristorante Da Tano, in zona Arzilla, ma soltanto dopo che due agenti hanno scavalcato la barriera per raggiungere la ferrovia.

La ragazza è apparsa subito poco ‘presente’, sia per l’andatura sia per la scarsa consapevolezza dei rischi che stava correndo. Anche se, sempre grazie al macchinista, il transito dei treni era stato temporaneamente bloccato. La 17enne, forse acciaccata dopo una caduta, è apparsa comunque in buone condizioni di salute, poi è stata ‘riconosegnata’ alla madre. Ora occorre fare chiarezza su chi le abbia somministrato dell’alcol nonostante sia minorenne. Un episodio, questo, che almeno in parte fa il paio con un altro intervento della polizia alla stazione di Fano: a dicembre, quando salvarono un anziano in stato confusionale.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo




Questo è un articolo pubblicato il 14-02-2022 alle 16:15 sul giornale del 15 febbraio 2022 - 1535 letture