Insulti al presidente sui muri dello stadio, le tifoserie organizzate si dissociano: “Questo è vandalismo, non siamo stati noi” [FOTO]

2' di lettura Fano 07/02/2022 - I tifosi non ci stanno. Non vogliono in alcun modo essere associati agli atti vandalici compiuti nella notte tra sabato e domenica. Ignoti hanno infatti apposto scritte riprovevoli sui muri e sul cancello dello stadio Mancini di Fano, sul lato degli spogliatoi di via Toscanini. Epiteti contro il numero uno dell’Alma Juventus Fano. Tra un ‘terrone’ e un ‘ vattene’, un ricco campionario parole che sanno anche di discriminazione. Riflettori subito puntati sugli ultrà. I quali, però, hanno voluto immediatamente spegnerli.

“Come gruppo ci estraniamo dalle scritte apparse fuori allo stadio – hanno fatto sapere i Panthers Fano ’77 -, ritenendo lampante si tratti di un’iniziativa personale, in quanto se di gruppo sarebbero firmate. Riteniamo altresì che sia frutto di una esasperazione calcistica di una situazione da sei anni fatta di sconfitte e umiliazioni, che però se giustifica le critiche non giustifica gli insulti”.

Sulla stessa linea gli Ultras Fano. “Siamo venuti a conoscenza di quanto scritto fuori dallo stadio, e ci dissociamo da queste discriminazioni territoriali, pertanto – hanno precisato - togliamo ogni dubbio alla società e alla citta in merito a quanto accaduto”. E mentre loro non negano la componente razzista dei messaggi rilevati allo stadio, il Club Forza Alma ammette si tratti di vandalismo. “È di atto vandalico che si sta parlando, e questo non fa parte di nessun tifoso organizzato del Fano. Il Club e chi ne fa parte ha sempre raccolto le idee di tutti, ha manifestato le proprie convinzioni ed esternato anche i malumori, ma si dissocia completamente da atti meschini e gratuiti come scritte infanganti sui muri del Mancini. Speriamo – ha concluso - che le forze dell’ordine risalgano quanto prima al colpevole del gesto”.

Se dalle tifoserie organizzate è dunque arrivato un coro unanime allo scopo di evitare imbarazzanti equivoci, dal presidente dell’Alma Mario Russo ha da subito messo in chiaro che non intende rimanere. “Ho capito che Fano non è il mio posto”, ha dichiarato alla fine di un lungo sfogo incentrato sul modo in cui si è sentito trattato in questi pochi mesi di presidenza, ma anche sul mancato arrivo di uno sponsor (qui il messaggio integrale).


Seguono alcune foto riguardante le scritte rinvenute allo stadio.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 07-02-2022 alle 13:06 sul giornale del 08 febbraio 2022 - 495 letture

In questo articolo si parla di cronaca, stadio, fano, vandali, articolo, alma juventus fano 1906, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cJ0B





logoEV
logoEV