FdI: "Caro bollette? Crisi economica peggiore della storia? L’assessore risponde: si recupera l’evasione"

2' di lettura Fano 25/01/2022 - È stata davvero spiazzante la risposta dell’assessore Cucchiarini a chi chiedeva un segnale dall’attuale amministrazione per fronteggiare l’ennesima pioggia di accertamenti di pagamento Tari da parte dell’Andreani Tributi. Considerare come pericolosi evasori famiglie colpevoli solo di essere oggetto di un errore di conteggio della tassa rifiuti o di non essere riuscite a pagarla in tempo è una via di fuga per sottrarsi alle proprie responsabilità.

Le famiglie hanno subito a causa della pandemia una importante decurtazione dello stipendio, in alcuni casi fino ad un terzo del reddito, ma anziché pagare meno tasse sono per contro sempre più pressate. A causa della pandemia stiamo vivendo una delle crisi economiche più dure della storia (e anche quando avremo superato l’emergenza C19 gli effetti sul sistema economico reale non scompariranno con la stessa velocità), famiglie ed imprese stanno passando giorni nella disperazione e nella sfiducia.

L’attuale giunta si limita ad un controllo di regolarità delle procedure sull’ente che gestisce il servizio di riscossione, quando invece dovrebbe sostenere i propri cittadini tramite azioni concrete di sostegno. Fratelli d’Italia Fano la pensa in modo totalmente diverso. Come sottolinea Mosè Gaiardi del direttivo, dobbiamo partire da un’ulteriore constatazione: Aset spa ha visto un aumento degli utili dal 2020 al 2019 di ben oltre 20 punti percentuali, continuando il trend triennale di forte positività con crescita di utili, fatturato e di disponibilità liquide. La gestione delle farmacie comunali è stata una scelta strategica che ha portato ulteriore liquidità e profitti aggiuntivi alle casse di Aset.

L’invio di un allegato alle ultime fatture dell’acqua dei bollettini pa per poter aderire alla rateizzazione REMSI (rateizzazione morosità servizio idrico) sposta solo il problema senza risolverlo. Chiediamo nuovamente una rimodulazione con maggiore elasticità per quanto riguarda le fasce di consumo del servizio idrico e la creazione di una tariffa agevolata per famiglie e attività economiche maggiormente colpite dai danni della pandemia sul fronte Tari.

Relativamente alle cartelle di accertamento Tari pregresse, suggeriamo il congelamento di quelle partite dal febbraio 2020 ad oltranza e la garanzia del contraddittorio concesso preventivamente (come richiesto da varie associazioni dei consumatori) per quelle antecedenti. Prima di pagare il cittadino deve avere diritto di difendersi. Il sindaco deve prendere in considerazione la revoca della concessione di riscossione tributi alla Andreani, dai bilanci Aset si evince che la nostra municipalizzata gode di ottima salute, quindi non vediamo motivi per cui non si dovrebbe gestire internamente questa fase del processo aziendale. Avremmo maggiore autonomia e un servizio più a misura di cittadino. Ricordiamoci che servizio idrico e gestione rifiuti rientrano tra i servizi pubblici essenziali riconosciuti e tutelati dall’art.43 della nostra costituzione… Di certo è più importante riuscire a soddisfare le richieste degli utenti che massimizzare i profitti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2022 alle 11:01 sul giornale del 26 gennaio 2022 - 225 letture

In questo articolo si parla di politica, fratelli d'italia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHjI





logoEV
logoEV