Vuole rientrare nella ‘disco’ dopo essere stato cacciato: 19enne aggredisce agenti e militari, poi le manette

1' di lettura Fano 29/11/2021 - Era stato cacciato dalla discoteca dopo aver creare qualche ‘disordine’. Ma una volta raggiunto fuori da un amico ha tentato di rientrare. Infine è andato su di giri, ha aggredito gli uomini in divisa e si è ritrovato con le manette ai polsi.

Notte agitata, quella tra sabato e domenica, fuori dalla discoteca Miu di Marotta di Mondolfo. Un 19enne romano è stato fatto uscire dal locale dagli uomini della sicurezza, allo scopo di mantenere l’ordine e far sì che la serata potesse procedere in modo pacifico. All’esterno, però, insieme a un amico suo concittadino, ha tentato di rientrare. Tutto questo poco prima delle 4.

Nel farlo si sarebbe poi agitato, e avrebbe aggredito la sicurezza del locale oltre agli agenti di polizia locali e ai carabinieri nel frattempo sopraggiunti. Il giovane avrebbe colpito pure questi ultimi, e lo dimostra la prognosi di alcuni giorni per gli agenti – che hanno riportato svariate contusioni – e l’ematoma alla gamba con cui se n’è tornato a casa il carabiniere.

Manette, dunque, per il 19enne, con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. L’amico è stato invece denunciato in stato di libertà. Poco meno di quattro mesi fa la maxi-rissa fuori dal Miu con tanto di accoltellamento: coinvolte decine di persone e feriti due militari. Il tutto sfociò nell’arresto di cinque persone (i dettagli).

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano





Questo è un articolo pubblicato il 29-11-2021 alle 16:53 sul giornale del 30 novembre 2021 - 1950 letture

In questo articolo si parla di miu, cronaca, mondolfo, marotta, aggressione, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cw8p





logoEV
logoEV
logoEV