Ciclabile Arzilla, la Lupus al Comune: "L'amministrazione si trincera dietro i tecnici per non assumersi le responsabilità di un progetto poco condiviso"

2' di lettura Fano 24/11/2021 - In riferimento al comunicato stampa dell’amministrazione comunale pubblicato sulla cronaca locale il 22 novembre ci preme fare le seguenti precisazioni.

Innanzitutto, alla riunione del 5 novembre, alla presenza del sindaco, degli assessori Fanesi e Tonelli, dei dirigenti Fabbri e Santini, dell’ing. Corigliano di Aset Spa, non ha partecipato solo l’associazione La Lupus in Fabula, ma una decina di cittadini del Comitato Arzilla Resistente e i rappresentanti delle associazioni Argonauta, Italia nostra, Comitato della Viabilità sostenibile, sostenuti dalle oltre mille persone che hanno firmato la petizione a mezzo web. In secondo luogo, se l’amministrazione fosse disponibile a realizzare un percorso ciclo pedonale di 2,50 m di larghezza, più 50 cm di banchina per l’impianto di illuminazione e la caditoia (invece dei 4 metri complessivi del progetto appaltato da Aset Spa) sicuramente non c’è alcuna necessità di costruire la cestonata di 70 ml. , altezza 4 metri dal piano campagna, perché traslando il tracciato verso il torrente per tutta la lunghezza dei tratti 3 e 4 ci sono ovunque i 3 metri, senza dover toccare la scarpata a monte, occupando ancora meno l’argine artificiale sul lato Arzilla di quanto previsto nel progetto Aset.

Quanto agli studi geologici che confermerebbero, a dire dell’amministrazione comunale, la necessità di posizionare delle “gabbionate” a salvaguardia e messa in sicurezza del versante, facciamo notare che allegati al progetto preliminare e a quello definitivo non esiste nessun parere tecnico che prenda in esame la stabilità di tutto il versante (a monte e a valle della ciclabile); forse è stato commissionato e/o redatto successivamente, a supporto di una scelta già fatta. Aspettiamo di vedere nero su bianco il nuovo studio geologico per esprimerci in merito.

Nel frattempo, il comitato Arzilla Resistente ha presentato una nuova richiesta di incontro al sindaco ed agli assessori Tonelli e Fanesi, per valutare l’esito dell’incontro tecnico avvenuto il 15 novembre. Quel che appare sempre più chiaro è che l’amministrazione comunale fa difficoltà a trovare una mediazione politica e perciò si trincera dietro i tecnici per non assumersi delle responsabilità di un progetto poco condiviso e che non rispetta il pronunciamento del consiglio comunale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2021 alle 09:43 sul giornale del 25 novembre 2021 - 139 letture

In questo articolo si parla di attualità, La Lupus in Fabula, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cvWF





logoEV
logoEV