Terre Roveresche: Anna / Emma. Ut pictura poesis. Disegnare una poesia, due mostre di pittura

3' di lettura 20/10/2021 - Il 23 ottobre si inaugura a Terre Roveresche una doppia mostra organizzata da Pro loco Piagge: Anna / Emma. Ut pictura poesis. Disegnare una poesia.

I ritratti dipinti dall’artista Anna Krezel saranno esposti presso la sala dell’Ipogeo di Piagge mentre i paesaggi e le nature morte troveranno casa nella bottaia dell’Azienda Agraria Guerrieri di Piagge. I dipinti sono accompagnati dalle parole di Emma Grilli, giovane scrittrice che interpreta colori e forme attraverso la poesia. Un progetto a quattro mani che verrà presentato dalle autrici sabato 23 ottobre alle 17.30 presso la sala del Santissimo Sacramento a Piagge.

Anna Krezel indossa una lente capace di raccogliere i dettagli minimi, profili geometrici di volti e colline, colori accesi, sagome ritagliate dallo sfondo, particolari abnormi che definiscono persone, oggetti, spazi. Angoli e angolature sghembe, ampi punti di vista che si raggruppano, si intersecano come strade infinite, moltiplicate, affollate. Sviste che diventano innovazioni, vere folgorazioni: tratti semplici, quasi infantili, mai banali che sviluppano l'essenziale, ciò che è importante, è sopravvivenza, è vitale. Anna anima, dà vita ai fiori, li rende persona e trasforma le persone in oggetti preziosi, amuleti per riti e rituali. È il ritorno continuo di quanto c'è di primitivo, di originario: volti maschera con labbra deformi e occhi fessura, figure ridotte all'essenzialità di linee comuni, condivise che attraversano tempo e spazio in un eterno ritorno. Tanto semplici le linee che definiscono uomini e donne tanto si complicano nel tratteggiare spazi e ambienti, paesaggi multipli, assaggi di tavoli, giardini, piante.

Una semplicità che non sminuisce la pratica dell’artista ma la esalta nonostante il tentativo facile di interpretare il suo lavoro alla luce della sindrome che porta,che è parte di Anna Krezel ma non la riduce a quel cromosoma soprannumerario, a quell’ avanzo che la società spesso non sa dove mettere, come gestire. Le opere di Anna Krezel trovano scrittura nelle poesie di Emma Grilli: cinque quadri abbinati a cinque poesie, dettagli e gesti illuminati dai versi che rileggono i volti, le pose, gli sguardi dipinti. I versi di Grilli sono piccole frasi, versi ossuti, singhiozzi appunto, dal titolo di un suo libro, movimenti involontari del diaframma, salti della pancia, di un corpo che rimbalza sul lettone dell'infanzia, capriole dell'inconscio che prende la rincorsa dal profondo e si lancia sulla pagina bianca. Ricordi mozzi, frammenti: una donna rossa, uno schiaffo, un gelato tenuto da mani secche come foglie pronte a cadere in un autunno perenne.

Versi come pezzi sparsi che si ricompongono al ritmo di un tamburo profondo, una danza primitiva fatta di nervi che si tendono. Una danza fragilissima che non si appoggia alla rima, alla metrica ma si scompone e ricompone, una danza che accomuna le due donne, che fa del gesto un segno senza puntello, appoggiato al profondo. La mostra e l'incontro con le autrici sono organizzati nel rispetto della normativa anti covid, green pass obbligatorio, posti limitati su prenotazione al 3204159700.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2021 alle 09:44 sul giornale del 21 ottobre 2021 - 210 letture

In questo articolo si parla di cultura, Pro Loco, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cpmd





logoEV