L'opposizione: "Il sindaco in fuga dal confronto: vuole nascondersi dietro un monitor fino alla fine del mandato"

minoranza Fano Movimento 5 Stelle Lega Fratelli d’Italia 2' di lettura Fano 14/10/2021 - Ormai è palese: Seri sta facendo di tutto per evitare che il consiglio comunale possa tornare a riunirsi in presenza, come invece avviene quasi ovunque. In questo modo potrà continuare a scappare da ogni confronto a viso aperto sui temi della città.

Dopo quasi due anni di pandemia, non è stato mosso un dito per adeguare la sala consiliare alle prescrizioni di legge anti-covid, così come adesso si accampano scuse su scuse, del tutto risibili, per impedire lo spostamento temporaneo presso la sala ipogea della Memo. Di questo passo, le sedute dal vivo saranno impossibili anche quando l’emergenza sarà superata. È questo il rispetto che il Sindaco di Fano nutre nei confronti dell’organo rappresentativo di tutti i cittadini?

Eppure nell’ultima conferenza dei capigruppo di fine settembre, la volontà di gran parte dei gruppi consiliari è stata chiara, evidenziando anche una diversità di vedute in maggioranza. Il PD ritiene prioritario tornare a riunirsi in presenza e smentisce la linea del Sindaco e delle sue liste civiche che invece oppongono resistenza, facendo riferimento alla maggiore comodità della connessione da remoto. Mentre ai dipendenti comunali, come a tutti i lavoratori, viene richiesto di tornare a svolgere le proprie mansioni in ufficio, dotati di Green Pass, la priorità di alcuni consiglieri è la propria “comodità”, cioè la possibilità di seguire le sedute in pantofole da casa o dalla villeggiatura. Così, del resto, la maggioranza elimina alla radice il rischio di non riuscire a garantire il numero legale.

Noi invece siamo convinti che rappresenti un’offesa al decoro istituzionale continuare a svolgere sedute con inconvenienti tecnici ricorrenti, continue deroghe al regolamento, votazioni caotiche, pittoreschi quadretti domestici ed esclamazioni grevi immortalate dal microfono aperto. Nel frattempo il Comune ha già acquistato, con i soldi dei cittadini, costose apparecchiature lasciate a prendere polvere dentro gli scatoloni perché Seri non si decide a mettere a norma la sala consiliare, facendosi scudo con preventivi gonfiati ad arte. Un ennesimo spreco di denaro pubblico da aggiungere alla lista.

Capiamo che l’inconsistenza dell’azione amministrativa del Sindaco lo porti a ritenere più conveniente nascondersi dietro un monitor fino alla fine del mandato, anziché confrontarsi nei tradizionali dibattiti. Noi invece pensiamo che la qualità della dialettica democratica nella terza città delle Marche non possa continuare ad essere ostaggio dei timori del primo cittadino.


da Gruppi consiliari di minoranza
Movimento 5 Stelle
Lega
Fratelli d’Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2021 alle 10:04 sul giornale del 15 ottobre 2021 - 188 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/coiG





logoEV
logoEV