Inquinamento Arzilla, stretta contro gli scarichi abusivi. Brunori: "Subito un tavolo per chiarire, la vasca di Aset ha fatto il suo dovere"

2' di lettura Fano 28/08/2021 - In seguito alle copiose piogge degli ultimi giorni che hanno provocato un inquinamento delle acque alla foce del Torrente Arzilla, l’amministrazione si è attivata delineando un percorso che faciliti l’individuazione di soluzioni connesse alla contaminazione delle acque marine.

L’Assessora Brunori sta lavorando per convocare nei prossimi giorni un tavolo “tecnico urgente a cui parteciperanno i tecnici comunali, i rappresentati di Aset e i ricercatori dell’Università degli studi di Urbino Carlo Bo in collaborazione con il CNR IRBIM di Ancona: questi ultimi illustreranno gli esiti delle analisi dei campionamenti d’acqua prelevati dal Torrente Arzilla. L’obiettivo è quello di comprendere quali siano i parametri dell’inquinamento microbiologico. E’, altresì, opportuno precisare che si e’ trattato di un evento straordinario in relazione alla portata dei nubifragi che si sono abbattuti insieme al considerevole periodo di siccità che ha coinvolto il nostro territorio nell’ultimo periodo”.

Brunori smentisce anche la fuga di notizie secondo le quali la vasca di prima pioggia, realizzata da Aset spa vicino alla foce del torrente Arzilla nell’ambito del progetto Watercare, non avrebbe funzionato correttamente: “Dopo una precisa verifica, possiamo affermare che il grande contenitore di accumulo ha regolarmente svolto la propria funzione, contenendo le acque reflue non depurate. In questo senso va precisato che la vasca di prima pioggia ha influenza esclusivamente per le acque della zona di Gimarra, in prossimità della Foce del torrente Arzilla, senza che potesse prevenire le cause di tale inquinamento microbiologico, determinato dall’accumulo di detriti a monte. Tale vasca di raccolta rappresenta comunque un prezioso strumento per rendere la qualità delle acque marine elevata”.

Inoltre, l’assessore Brunori, dopo un confronto con i soggetti che parteciperanno al tavolo tecnico, avvierà immediatamente una ricognizione capillare, riferita a tutta l’estensione del torrente Arzilla, degli scarichi privati e civili, individuando quelli abusivi per contenere gli effetti ambientali che determinano la qualità delle acque balneari del tratto fanese”.

er le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-08-2021 alle 20:27 sul giornale del 30 agosto 2021 - 931 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, comune di fano, inquinamento acque, arzilla, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cgKZ