Fondi Pinqua, il M5S smentisce: "Fano è rimasta fuori"

1' di lettura Fano 04/08/2021 - Purtroppo siamo costretti a smentire una buona notizia Pinqua per la città, ma la cosa più incredibile è che dobbiamo farlo noi, mentre chi ha avuto l’imprudenza di annunciarla, cioè la Giunta Seri, se ne sta zitta per imbarazzo o ignoranza.

Contrariamente a quanto proclamato trionfalmente alcuni giorni fa dal Sindaco, il Comune di Fano è rimasto fuori dalle risorse attualmente disponibili per il Pinqua (Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare), che avrebbero finanziato, per un ammontare di circa 26 milioni, due progetti di riqualificazione: uno nei quartieri di San Lazzaro e Vallato, l’altro a Metaurilia con la creazione dell’Ecomuseo.

Pur essendo i fondi già stanziati molto ingenti, ben 3,2 miliardi, la nostra città si è posizionata troppo in basso in graduatoria (a differenza di Pesaro), quindi per il momento i nostri progetti non risultano finanziati. Lo saranno solo se verrà stanziato un ulteriore miliardo di euro. Attiveremo immediatamente i nostri parlamentari al riguardo, ma, come tutti possono intuire, non sarà facile perché si tratta di una cifra molto importante.

Come mai queste cose non sono state dette in conferenza stampa da Seri, Fanesi e Cucchiarini? Le hanno tenute nascoste oppure non sono in grado di leggere una graduatoria? Entrambi gli scenari sono molto preoccupanti e gravi. Una cosa è certa: dovrebbero chiedere immediatamente scusa per aver illuso i cittadini fanesi e per non aver fatto tesoro della saggia massima "non dire gatto se non ce l'hai nel sacco". Se queste sono la qualità, la competenza e l'onestà intellettuale della nostra classe dirigente, ai fanesi non resta che sperare di liberarsene il prima possibile!


da Tommaso Mazzanti, Francesco Panaroni, Matteo Giuliani (M5S)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2021 alle 12:16 sul giornale del 05 agosto 2021 - 226 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, bandiera, Movimento 5 Stelle, M5S, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cdqP





logoEV
logoEV