Spiagge pubbliche “inglobate” abusivamente negli stabilimenti balneari: 3 titolari denunciati

2' di lettura Fano 01/08/2021 - Continuano incessantemente gli interventi dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Fano e del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Marotta contro le occupazioni abusive del litorale, nell’ambito del servizio di vigilanza delle spiagge e del litorale di giurisdizione.

L’attività di polizia marittima, posta in essere a partire dall’inizio della stagione estiva e mirata a verificare il corretto utilizzo degli arenili al fine di prevenire l’abusiva occupazione del demanio marittimo, ha portato il personale della Guardia Costiera fanese a deferire a piede libero all’Autorità Giudiziaria tre titolari di noti stabilimenti balneari ubicati presso il lido di Fano per i reati di abusiva occupazione di suolo demaniale marittimo ed innovazioni non autorizzate. I militari, intervenuti nella zona costiera, hanno accertato considerevoli ampliamenti dei tratti di arenile occupati dai suddetti concessionari per un’area totale di oltre 7.000 mq, utilizzati in maniera esclusiva senza alcun titolo concessorio o autorizzativo rilasciato dalla competente civica amministrazione fanese.

Nello specifico, gli illeciti penali riscontrati contestati ai proprietari degli stabilimenti balneari sono il risultato di un’arbitraria sottrazione all’uso pubblico di estese porzioni di arenile per destinarle al posizionamento, illecito, di attrezzature balneari quali ombrelloni e lettini da mare ampliando notevolmente il proprio fronte mare in violazione della concessione, sottraendolo, così, alla libera fruizione dei bagnanti. In taluni casi sono stati altresì posizionati alcuni giochi per bambini non autorizzati e quindi pericolosi per la stessa incolumità di chi ne avrebbe usufruito. I trasgressori sono quindi stati denunciati alla competente Procura della Repubblica di Pesaro e saranno poste in essere, nei confronti degli stessi, le previste comunicazioni agli Enti amministrativi per le discendenti azioni di competenza.

L’attività, svolta anche con l’ausilio tecnico del Comune di Fano in qualità di Ente titolare delle funzioni amministrative sul demanio marittimo, proseguirà ininterrottamente nel corso di tutta la stagione estiva su tutto il litorale. La stessa si inserisce nel contesto dell’operazione “Mare Sicuro 2021” che vede impegnati le donne e gli uomini della Guardia Costiera in mare e a terra, su tutto il territorio di competenza dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Fano, allo scopo di assicurare la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza di bagnanti e diportisti, la tutela dell’ambiente marino e costiero e, più in generale, di garantire sempre più elevati standard di sicurezza nel settore turistico-balneare e scongiurare ogni forma di abusiva occupazione in danno della collettività che impedisce a tutti di poter usufruire liberamente delle nostre meravigliose spiagge






Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2021 alle 09:16 sul giornale del 02 agosto 2021 - 2067 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cc10





logoEV
logoEV