Ciclovia, il comitato: "Decisioni affrettate che vanno riviste". Intanto proseguono gli incontri

2' di lettura Fano 17/07/2021 - I social sono importanti ma ancor di più lo è il contatto diretto con le persone; per questo il Comitato Ciclovia del Metauro ha incontrato lo scorso giovedì sera i cittadini di Lucrezia di Cartoceto per ribadire che una ciclovia lungo i binari della dismessa ferrovia Fano Urbino è una formidabile occasione di crescita per tutta la valle del Metauro.

Premessi gli enormi e forse insormontabili problemi di un eventuale ripristino della ferrovia abbandonata da 34 anni (gallerie non a norma, ponti e viadotti non in grado di sostenere un treno in corsa, massicciata ferroviaria compromessa, ecc.) sono stati evidenziati i vantaggi di una ciclovia come la rivalutazione economica degli immobili, la possibilità di spostarsi in sicurezza a piedi o in bici tra quartieri, di attirare importanti flussi turistici, di evitare l’abuso dell’auto per fare la spesa, andare a scuola o al lavoro, ecc.

E’ stato inoltre ribadito il concetto che una ciclovia rispondente alle norme di legge non può essere tracciata ai margini di strade trafficate e pericolose, ma deve essere una strada specifica per le biciclette, quindi sicura, agevole e a doppio senso di marcia; una infrastruttura del genere non solo restituisce moltiplicati i fondi impiegati per realizzarla ma, come dimostrano i dati consolidati, produce vantaggi e reddito per il territorio. L’auspicio è quello che, come sta avvenendo altrove nelle Marche, anche nel nostro territorio riprenda l’iter per realizzare una ciclovia progettata e finanziata ma inopportunamente abbandonata a un passo dal traguardo.

Il Comitato, a cui finora hanno aderito circa 800 persone, organizzerà altri incontri pubblici perché una corretta e approfondita conoscenza dei dati porta sempre nuovi consensi ad un progetto che ha già raccolto circa 5.400 firme che si spera possano essere prese in considerazione dalla Giunta regionale. Il tempo per riconsiderare decisioni affrettate esiste, anche perché fortunatamente sono stati prorogati di un anno i termini per impegnare i 4,5 milioni concessi dalla UE per una strada dedicata specificamente alla mobilità sicura e agevole in bicicletta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2021 alle 17:13 sul giornale del 19 luglio 2021 - 284 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, ciclovia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/caUz





logoEV