"Mordere la nebbia": appuntamento con Alessio Boni al Festival della Saggistica sabato

1' di lettura Fano 16/06/2021 - Puoi nascere figlio di muratore bergamasco, orfano a Haiti, rampollo dell’aristocrazia culturale: è un caso. Di certo, la nascita orienterà la tua vita. Ma non può arrivare a determinarla.

Alessio Boni parte da qui per costruire il suo primo libro che è insieme autobiografia e profonda riflessione sul mestiere di mantenersi umani, indagato attraverso i grandi e diversi personaggi che ha messo in scena – da Amleto a Caravaggio, da Don Chisciotte a Ulisse – e i molti viaggi che ha compiuto in alcuni dei più terribili teatri di guerra e devastazione degli ultimi vent’anni. Sì, perché Boni oltre che artista è generoso testimonial al seguito di missioni umanitarie con diverse Ong, da Save The Children a Medici Senza Frontiere.

E in questo libro racconta la sua storia di figlio di operai che ce l’ha fatta ma anche le storie degli altri, quelli che ce la fanno in condizioni ben più difficili. Non si sceglie dove si nasce ma si può scegliere il proprio destino. E si sceglie, ogni giorno, in che direzione diventare uomini: nel bene o nel male, nel cinismo o nell’incontro con l’altro. Mordendo la nebbia che avvolge il tuo futuro, fino a dissiparla.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2021 alle 10:34 sul giornale del 17 giugno 2021 - 214 letture

In questo articolo si parla di cultura, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7rV





logoEV
logoEV