SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Distretto Biologico Terre Marchigiane, lo statuto benedetto dal Vescovo Trasarti

2' di lettura
197

Lo statuto del Distretto Biologico Terre Marchigiane ha ricevuto la benedizione del Vescovo di Fano, Fossombrone, Cagli e Pergola, Monsignor Armando Trasarti. Un incontro semplice e cordiale quello che si è tenuto presso la curia vescovile tra il Vescovo, la presidente del Distretto Sara Tomassini e da uno degli ideatori, Ritaldo Abbondanzieri.

A fine gennaio era stata presentata a monsignor Trasarti l’associazione “Distretto Biologico Terre Marchigiane” costituita il 30 dicembre 2020. Il Vescovo letto lo statuto, l’atto costitutivo e la carta dei principi ha dato il proprio sostegno al Distretto Biologico Terre Marchigiane.

Ad oggi è composto da 27 amministrazioni comunali, Urbino, San Lorenzo in Campo, Fossombrone, Cagli, Pergola, Terre Roveresche, Fratte Rosa, Mondavio, San Costanzo, Sant’Ippolito, Cantiano, Monte Porzio, Mondolfo, Serra Sant’Abbondio, Frontone, Mogliano (MC); tutta l’Unione Montana del Montefeltro; 116 aziende agricole biologiche; 3 cooperative agricole biologiche, Terra Bio, Terra e Cielo e Campo; altri agricoltori trasformatori importanti; 5 operatori del settore terziario enogastronomico; Associazione Nazionale Agricoltori Biologici ANABIO/CIA Marche; 3 istituti superiori tecnici agrari e professionali (Pesaro “Cecchi”, Fabriano “Vivarelli”, Jesi-Pianello Vallesina “Cuppari-Salvati”; 2 istituti alberghieri (Pesaro “S. Marta”, Cagli-Piobbico “Celli”); il liceo artistico di Fermo Porto San Giorgio; Confcommercio Marche Nord; CNA Marche, Unione Agroalimentare Regionale.

All’incontro col Vescovo, la delegazione del Distretto ha potuto illustrare i momenti salienti e difficili che hanno caratterizzato il percorso culminato con la costituzione.

Si è discusso e si è aperto un confronto sulle opportunità che il Distretto Biologico Terre Marchigiane può concretamente offrire a tutta la comunità: partire dall’agricoltura e dall’allevamento biologici che sono i custodi veri della terra.

«Il Distretto è lo strumento perfetto per superare le logiche strettamente aziendali e individuali per una visione a tutto tondo, di sistema, di rete, che ha come scenario l’intero territorio ed i suoi attori, istituzionali e non, per il raggiungimento degli obiettivi comuni: sostenibilità sociale, ambientale ed economica».

L’incontro si è concluso con la benedizione dello Statuto del Distretto Biologico Terre Marchigiane.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-05-2021 alle 10:19 sul giornale del 26 maggio 2021 - 197 letture