SEI IN > VIVERE FANO > CRONACA
articolo

Cuccioli salvati in A14, tutti pazzi per il cane di razza gratis: “Fermatevi, non sono ancora adottabili”

3' di lettura
1291

I telefoni sono roventi ormai da giorni. Compreso quello di Vivere Fano, numero dal quale - in realtà – si possono ricevere notizie gratis ma non informazioni di servizio come queste, e nemmeno prenotare vaccini o richiedere buoni spesa. Gli ultimi a equivocare – e sono già almeno una trentina in una manciata di ore – sono coloro che stanno cercando di accaparrarsi un cucciolo di razza gratis. Uno dei dieci salvati dalla polizia stradale la scorsa settimana mentre venivano trasportati illegalmente.

I dettagli di quanto accaduto sono chiari a tutti (e sono questi). A non essere altrettanto noto è che i cani in questione (sei bulldog, due pastori dell’Asia Centrale, un volpino di Pomerania e un carlino) non sono ancora in alcun modo adottabili. E per ovvie ragioni. Dopo essere stati portati via da quel camion con targa rumena, i cuccioli sono stati sottoposti a sequestro, controllati – pare stiano tutti bene, per fortuna - e accompagnati al canile comprensoriale di Pesaro. Dove resteranno ancora per qualche giorno, per poi venire a Fano.

C’è dunque un iter da rispettare. Occorre pazienza, e soprattutto va detto che i cuccioli sono dieci, mentre le richieste già centinaia. "Preciso che i cani non sono ancora adottabili – ha spiegato Cecilia Tornimbeni, presidente dell’associazione Melampo di Fano -, e che sono sotto sequestro penale. Evitate, per favore, la corsa ad accaparrarsi gratis il cucciolo di razza. Il canile di Pesaro è stato costretto a staccare il telefono”. In altre parole, i cuccioli stanno ancora facendo le prime profilassi (feci, test Giardia e trattamenti con vermifugo). C’è dunque da aspettare. E pure poco da illudersi.

“Tra pochi giorni – ha aggiunto Cecilia - verranno trasferiti, previa autorizzazione del magistrato, da noi a Melampo. Non saranno visibili (in canile si entra comunque, a prescindere, su appuntamento) né prenotabili. Inutile quindi chiamarci sperando di ottenere così una qualche priorità. Appena il magistrato deciderà che sarà possibile procedere con gli affidi daremo la notizia sulla nostra pagina Facebook indicando le modalità per candidarsi come adottanti (o affidatari, a seconda di cosa deciderà il magistrato)”.

Tutti pazzi per i cuccioli a scrocco, dunque. E quasi tutti - non si sa bene perché - vorrebbero accaparrarsi uno dei bulldog, mentre i canili sono pieni di altri esemplari – magari non di razza, ma non per questo meno splendidi – in attesa di qualcuno che li sappia amare. Stop, quindi, a questa subdola corsa al cagnolino col pedigree, anche perché i disagi che si stanno creando non riguardano soltanto associazioni, canili e giornali. “Rassicuro tutti che i cuccioli stanno bene – ha detto Emanuela Giovannelli, funzionaria dell'ufficio ecologia urbana del Comune di Fano – e che stanno ricevendo tutte le cure necessarie da parte del servizio veterinario dell'Asur. Specifico altresì che sono sottoposti a sequestro giudiziario, per cui ad oggi non adottabili. Anche l'ufficio sta ricevendo molte telefonate e mail di aspiranti adottandi. Saremmo felici se l'attenzione rivolta a questi cani fosse almeno in parte dedicata agli altri cani ospitati presso il rifugio comunale, che forse sono meno 'graziosi' e di nessun valore economico rispetto a questi cuccioli, ma farebbero la felicità loro e delle persone che volessero allargare la propria famiglia a questi esseri straordinari”.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano




Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2021 alle 16:01 sul giornale del 20 maggio 2021 - 1291 letture