Aggressione alla Rocca Malatestiana, Pollegioni: "Fano non vuole e non deve abituarsi a queste cose"

3' di lettura Fano 11/05/2021 - E’ grave quanto accaduto alla Rocca Malatestiana, dichiara Stefano Pollegioni, e insieme a tutto il direttivo UDC esprimo solidarietà e vicinanza ai due ragazzi ed in particolare a colui che colpito da una feroce aggressione è finito in ospedale con lesioni importanti.

Purtroppo questo fatto, non unico nella nostra città, testimonia che la, città dei bambini, dei giovani, del carnevale, del turismo è sempre più nelle mani del degrado sociale e questo è ormai stato detto tante volte ma nulla è mai stato fatto. Spesso assistiamo a fatti di cronaca che finiscono su un palcoscenico mediatico, dove tutti dicono la sua, ma poi tutto finisce nel silenzio in attesa della prossima volta. Così non va e Fano non vuole e non deve abituarsi a queste cose.

Mentre da una parte esiste un problema sociale su cui bisogna intervenire e approfondire perché non dilaghi e non porti a scenari molto più gravi ( il ragazzo malmenato poteva morire ) dall’altra c’è la conferma che esiste anche un problema di sicurezza pubblica.

Non è la prima volta che la nostra città viene attenzionata dall’esistenza di gruppetti facinorosi in cerca di guai (stranieri e italiani) e più volte la città della fortuna è stata al centro dell’attenzione per operazioni antidroga importanti. E’ ora di intervenire concretamente, il male va curato subito altrimenti poi è più difficile.

Il controllo continuo delle Forze dell’Ordine è fondamentale come sono fondamentali le telecamere di sorveglianza che però non possono sostituire gli uomini e le donne in divisa.

Per l’ennesima volta torno a ribadire che l’Amministrazione comunale deve mettere in campo tutte le armi in suo possesso, sempre che ne sia all’altezza.

La Polizia locale deve essere più efficace, siamo in tempo di movida, gli uomini addetti al controllo e vigilanza devono uscire per strada e stare meno in certi uffici così da essere di supporto alla Polizia di Stato e ai Carabinieri che hanno un territorio vasto da controllare e non possono essere ovunque. Urgente un tavolo di concertazione comunale dove a sedere sono i rappresentanti delle Forze dell’Ordine che decino insieme come meglio controllare la città e il territorio limitrofo. Sono anni che “grido” questa inascoltata proposta.

Oggi leggo sulla stampa che l’Assessore alla Polizia Locale , senza alcuna esperienza in tema di sicurezza pubblica, si ricorda che servono più telecamere e ribadisce che presto ci saranno i concorsi per assumere agenti di polizia locale. Siamo alle solite ! i fatti gravi svegliano gli animi? fortuna che non ci è scappato il morto!. Da novembre ancora oggi i concorsi per l’assunzione degli agenti di Polizia Locale devono essere fatti quindi avremo più personale per la movida dell’anno prossimo ( questa amministrazione comunale dimentica che sono al governo della città da sette anni ).

L’Assessore dichiara che all’ora del pestaggio la Polizia Locale aveva finito il turno. Siamo alle solite e non si vuole comprendere che c’è bisogno che la Polizia Locale faccia i turni notturni e si prevedano degli stanziamenti , visto che esiste un disavanzo di bilancio notevole, per pagare le turnazioni notturne che devono protarsi fino al mattino.

I cittadini fanesi non si sentono più tranquilli. Ancora una volta abbiamo la dimostrazione che questa Amministrazione continua a precipitare invece di volare alto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2021 alle 12:40 sul giornale del 12 maggio 2021 - 314 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b2yU