Aggressione alla Rocca, Luzi (In comune): "Non possiamo rimanere indifferenti alla violenza"

2' di lettura Fano 11/05/2021 - In uno dei luoghi più belli della nostra città è accaduto qualcosa che ci interroga, che pone a noi adulti molte domande.

Leggendo la cronaca dei fatti, condannando fortemente l'aggressione, quello che ci arriva in maniera forte è quanto ogni tipo di non omologazione (in questo caso le unghie dipinte di un ragazzo ) scateni aggressività e quanto si è tenuto a precisare l'appartenenza degli aggressori. C'è un aspetto fondamentale in questa triste storia, l'indifferenza di tante e tanti presenti in quel momento nei giardini della Rocca Malatestiana.

Solo una persona si è avvicinata per prestare soccorso e chiamare le forze dell'ordine. I luoghi sono sicuri se tutte e tutti noi non ci giriamo dall'altra parte, se non istighiamo all'odio se non discriminiamo. Prendersi "cura" di una comunità "ferita" da lunghi e dolorosi mesi di pandemia è un compito non facile, questo tempo è stato ancor più complesso per ragazze e ragazzi, si sono ritrovati chiusi nei loro mondi connessi, in tanti alveari. Ma dobbiamo anche riconoscere che tanti giovani e giovanissimi in questo tempo difficile e complesso si sono impegnati e hanno elaborato strategie per arricchirsi, per sognare un mondo nuovo a loro più affine, vicino alle loro esigenze, sogni, desideri.

La città tutta deve cogliere il grido di dolore che arriva da questa triste storia e allo stesso tempo insieme all'amministrazione trovare modalità per far sentire le ragazze e ragazzi la linfa vitale dei luoghi, rendendoli aperti e inclusivi. Quello che per noi molte volte è scontato per loro è in divenire come è giusto che sia. A noi adulti spetta un ruolo complesso non sempre facile ma dobbiamo essere noi i primi a non rimanere indifferenti,a non girarci dall'altra parte.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-05-2021 alle 10:32 sul giornale del 12 maggio 2021 - 170 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, Carla Luzi, In Comune, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b2zP





logoEV
logoEV