Aset - Marche Multiservizi, Lucentini (Lega): "Seri dica la verità"

2' di lettura Fano 12/04/2021 - “Seri chiede la verifica di maggioranza? Chiediamo a Seri, sindaco pro tempore, la verità anche se èscomoda. Il vero sindaco di Fano, ossia Matteo Ricci, nel surreale dibattito pubblico di alcuni giorni fa, ha detto che Seri si sta battendo come un leone per promuovere la collaborazione tra Aset e MMS. Noi non abbiamo visto alcuna una savana, ma il deserto del pensiero unico. Vediamo interessi personali; vediamo un grande affare, non “una grande Aset”, una storia già scritta sulle note della colonna sonora di un inganno.

A riprova della morte del primato della politica, l’ad di MMS è arrivato a dire di non voler tener conto della stampa che harelazionato il dibattito del consiglio comunale di Fano sul digestore. Un grande errore: a Fano non governano i poteri forti ma i cittadini.

Il sindaco pro tempore Seri usa solo la debolezza della retorica:chi reclama il paradigma della competenza e della laicità, ma non apre un vero dibattito politico e tecnico sui servizi pubblici èinadeguato a guidare la terza città delle Marche. Seri faccia davvero il leone e dica alla città cosa vuole per Fano e per Aset. Si esponga, sia leale con il consiglio comunale, assuma un rischio, mostri la criniera.

Una serie infinita di malcelate tracce e di indizi rendono chiaro il disegno: nessun digestore ma fusione di Aset in MMS. Chiaro no?Così vuole l’allegra brigata del potere pesarese, così muore Fano

Il tempo perso al riguardo è la prova di tutto.

L’ostinazione del sindaco pro tempore Seri nel denunciare fantomatici “giochi di palazzo” non rende onore alla città e a tutto il consiglio comunale; cosa accade? Accade che è stata avviata da tempo una trattativa per svendere Aset, Fano e i suoi comuni soci a Pesaro alle spalle e contro le deliberazioni del consiglio comunale. Chi è che fa i giochi di palazzo? Persino Milano Finanza racconta queste trame.

Il sindaco non ha mandato a trattare alcuna fusione; dove non può la correttezza politica dovrebbe arrivare la correttezza istituzionale. Abbia un poco di amor proprio, si dimetta.

Se MMS teme le gare è comprensibile; quella del gas a Fano l’ha già persa. Auspichiamo che Aset trovi un grande player nazionale per la gara provinciale del gas visto come Fano ed Aset vengono trattati da Pesaro e MMS. Noi riteniamo che Aset debba rimanere una società “in house” non esposta al mercato e alla concorrenza.

Al consigliere pd Nicolelli chiediamo invece: quanto varrebbe la quota di proprietà di MMS di spettanza del Comune di Fano, in caso di fusione, se poi si perdessero le gare?

Al “leone” di Fano l’ardua risposta.

Combatteremo con chiunque, sempre ed in ogni dove per l’autonomia e la dignità di Fano.”.


On. Mauro Lucentini
Commissario provinciale Lega Pesaro-Urbino







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2021 alle 22:15 sul giornale del 13 aprile 2021 - 200 letture

In questo articolo si parla di politica, marche multiservizi, aset, Mauro Lucentini, viviamo montegranaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXaN